Ma non impariamo niente dal passato? Il limite per le navi da crociera a Portofino si riduce a meno di 600 metri!

Schermata-2014-11-20-alle-13.24.00
Passa il tempo, le tragedie si dimenticano. L’incidente della Costa Concordia era costato la vita a trentadue persone (110 i feriti). A poco più di tre anni dal disastro, un’ordinanza della Capitaneria di Porto stabilisce che da oggi le navi da crociera potranno arrivare più vicino all’Area naturale marina protetta di Portofino. E non di poco: abbassando il limite non valicabile da 0,7 miglia a 0,3 miglia: 556 metri
. «Uno schiaffo a un luogo unico», dicono quelli di Legambiente, “un’ordinanza scandalosa e pericolosa” che “ fa male all’ambiente e al turismo”.

I SOLITI DECRETI ALL’ITALIANA
Dopo il caso Concordia, il “decreto rotte” dei ministri Corrado Passera e Corrado Clini aveva spostato per le navi da crociera il confine delle aree protette a 2 miglia dalla costa.
Già allora le associazioni avevano considerato la legge riduttiva visto che non copriva “territori di pregio non protetti quali Capri, le Eolie o Pantelleria, dove gli inchini sono ancora consentiti”, come hanno spiegato Sebastiano Venneri e Santo Grammatico, responsabile mare di Legambiente e presidente di Legambiente Liguria. Passarono pochi mesi e le regole per l’AMP di Portofino mutarono, grazie a una deroga che ridusse a 0,7 miglia dalla costa il limite non valicabile. E oggi arriviamo a 0,3 miglia. Vi renderete conto che è davvero pochissimo.

FATECI SAPERE COSA NE PENSATE
Se il caso di Portofino si allargasse a macchia d’olio, aprendo a tutte le AMP di domandare deroghe alla distanza stabilita?
Questo è il timore di Legambiente, che chiede al ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti di intervenire al più presto e di estendere i vincoli del decreto rotte a tutte le isole minori e alle zone fragili anche al di fuori delle aree parco. Cosa ne pensate?


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

8 commenti su “Ma non impariamo niente dal passato? Il limite per le navi da crociera a Portofino si riduce a meno di 600 metri!”

  1. io penso proprio che a tutti quelli che sono al governo, qualsiasi partito ci sia, non frega assolutamente niente, di quello che è successo, o quello che succederà. l’importante, per loro, è mettere in tasca solo del denaro.

  2. Basta pensare che i nostri politici erano a mangiare e bere sorridenti quando la Concordia approdò semidistrutta nel porto di Genova. Avrebbero dovuto piangere le vittime di questo immane disastro… E il comandante Schettino??? Frega nulla neppure a lui, impunito ed addirittura salito in cattedra per una lezione sulla gestione del panico in situazioni d’emergenza… Siam proprio in Italia!!!

  3. Governo e politici sono in mano di poteri economici ai quali, gli uni e gli altri, non importa nulla del popolo. Però sono bravissimi nell’ostacolare la nautica da diporto ed i possessori di imbarcazioni, gli unici da colpire facilmente in quanto non protetti dai poteri di cui sopra.

  4. Prima soldi soldi soldi
    poi si penserà a riparare i danni fatti
    ma riparare i danni vuole dire ancora soldi soldi soldi . . .
    e poi perchè non mettere anche qualche tassa ecologica?!!

  5. Le navi quando entrano nei porti, vedi Savona o Livorno, sfiorano i pontili a pochi metri e se i comandanti e l’equipaggio sono preparati non credo ci siano problemi. Ovviamenti controlli e controlli su inquinamento e gestione eventuale emergenze tipo trombe marine o altro.

  6. I¡¦ve been exploring for a little for any high quality articles or weblog posts on this sort of space . Exploring in Yahoo I ultimately stumbled upon this website. Studying this info So i am satisfied to express that I have an incredibly just right uncanny feeling I came upon just what I needed. I most surely will make certain to don¡¦t disregard this website and give it a look regularly.

  7. I simply couldn’t go away your web site before suggesting that I actually loved the standard info a person provide to your visitors? Is going to be back steadily in order to check out new posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su