Mediterraneo a rischio: dal canale di Suez arriveranno “specie aliene”

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Schermata 2015-07-23 a 17.55.32
Mancano pochi giorni (la data prevista è il 6 agosto) e l’allargamento del Canale di Suez sarà realtà. Un vantaggio sicuro per i commerci, ma anche un’opera che ha messo in allarme la comunità scientifica internazionale fin dal suo annuncio, la scorsa estate.
L’allargamento del canale di Suez porta nel mediterraneo delle specie “aliene” che possono rovinare l’ecosistema“, hanno dichiarato Anna Occhipinti Ambrogi e Agnese Marchini del dipartimento di scienze della terra e dell’ambiente dell’università di Pavia (Fonte la Provincia Pavese).

Il pericolo concreto è quello dell’invasione di specie aliene provenienti dal mar Rosso.

Da sx, Anna Occhipinti e Agnese Marchini. (Fonte Provincia Pavese)
Da sx, Anna Occhipinti e Agnese Marchini. (Fonte Provincia Pavese)

Ma la loro non è una voce isolata: la comunità scientifica internazionale dei biologi marini aveva reagito fin dallo scorso anno, allertando sulle possibili ricadute di questa costruzione sull’ambiente marino di tutto il Mediterraneo, e non solo ovviamente delle coste italiane. Nonostante la preoccupazione sia stata ripresa dalla stampa internazionale (persino dal New York Times), l’Egitto ha proseguito i lavori di scavo a tempo di record, non prevedendo alcun intervento di mitigazione per rendere l’opera sostenibile.

Il pericolo concreto è quello dell’invasione di specie aliene provenienti dal mar Rosso. Con “aliene” si intendono specie che non rientrano in un determinato ecosistema e che possono, anzi, sconvolgerlo. Un esempio di specie nocive entrate da Suez e rapidamente diffusesi nel Mediterraneo fino alle coste italiane è il “pesce palla argento”, che contiene una tossina cento volte più potente del cianuro che può risultare letale per l’uomo.

A registrare ben 450 specie aliene è stata una ricerca svolta all’Università di Pavia. Cosa si sarebbe dovuto fare durante i lavori? La soluzione sarebbe stata quella di contenere il flusso di specie realizzando piscine di acqua salata per ricreare le barriere che c’erano in precedenza.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Mediterraneo a rischio: dal canale di Suez arriveranno “specie aliene””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quiz: quanto ne sai di grandi navigatori? Mettiti alla prova!

Quanto ne sapete di grandi navigatori? In questo quiz che vi stiamo per proporre non troverete domande “tecniche”, ma esclusivamente “storiche” e incentrate sui marinai-mito, dalla fine dell’800 ai giorni nostri. Provate a rispondere senza consultare wikipedia, libri, biografie, per

Polizia Slovena

Se hai un natante… SLOVENIA PROIBITA

Se teoricamente sarebbe possibile andare Slovenia senza superare il limite delle 12 miglia dalla costa, limite massimo a cui possono spingersi i natanti italiani (con patente nautica), la normativa slovena richiede che tutte le imbarcazioni oltre i 3 metri siano

Torna su
Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*