Franck Cammas ti sta cercando, pronto a doppiare Capo Horn con lui?

julbo-cammasVuoi vivere un’avventura indimenticabile, doppiando Capo Horn in compagnia di uno dei più grandi velisti del mondo? Franck Cammas (il suo palmares è lunghissimo. Ci basterà citare la conquista del Trofeo Jules Verne nel 2010, la vittoria della Volvo Ocean Race nel 2012 sul VOR70 Groupama e il ruolo di skipper su Team France nella Coppa America che verrà) sta cercando un prodiere. E, con un po’ di fortuna, potrebbe toccare a te.

nacra 20IL TERZO SOGNO DI CAMMAS
Lo sponsor di Cammas, l’azienda di occhiali sportivi Julbo, ha deciso di offrire un’esperienza indimenticabile a un velista “comune”: a bordo di un Nacra F20 Carbon FCS (Flight Control System, dotato di foil), doppiare assieme a Cammas Capo Horn. “Ho sempre avuto tre sogni”, ha confessato il francese, “il primo l’ho realizzato: era vincere la Volvo Ocean Race. Il secondo, quello di partecipare alla Coppa America, è in fase di realizzazione. Il terzo è doppiare il Capo più famoso del mondo su un piccolo catamarano volante”.

COME FARE A CANDIDARSI
Vi abbiamo “solleticato”? Per candidarvi dovrete, entro il 31 agosto 2015, postare a questo indirizzo il vostro curriculum velico (comprendente esperienze di derive o catamarani) accompagnato da un video di presentazione dove si alternano immagini di voi che parlate in camera con riprese di voi in barca. Da qui avverrà la prima selezione: Cammas e Julbo selezioneranno i “papabili”, che verranno inviati a una seconda fase di allenamento/selezione a Lorient a settembre, dove sarà scelto il prodiere dell’asso francese.

GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE DELL’INIZIATIVA

L’IMPRESA
Non si tratterà di un mero gioco commerciale, ma di una vera e propria impresa estrema, a novembre. In primis Cammas e il candidato selezionato dovranno trasferire il cat a Puerto Williams, in Cile, dove le condizioni sono davvero ostiche, con forti venti che salgono su direttamente dai Cinquanta Urlanti. Poi ancora più a sud, verso Puerto Toro, un villaggio di 50 anime che, se si escludono le stazioni di ricerca, è il luogo abitato più a sud del mondo (3,875 chilometri dal Polo Sud), oltre che l’unico villaggio oltre il 55° parallelo. Il Nacra sarà scortato da Xplore, un 67 piedi in alluminio al comando di Stephen Wilkins che si occuperà della logistica e della sicurezza nei canali della Patagonia, verso un punto vicino a Capo Horn. Poi l’impresa vera e propria. Circa 100 miglia (tantissime) nelle acque gelide dell’Oceano del Sud, dove se cadi in mare sei morto, fino a raggiungere Capo Horn, doppiarlo e infine scendere a terra e salire le scogliere di Horn per fare un saluto al guardiano del mitico faro e della sua famiglia. Ve la sentite?


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

4 commenti su “Franck Cammas ti sta cercando, pronto a doppiare Capo Horn con lui?”

  1. Partendo da Puerto Williams, con una buona finestra meteo e particolare attenzione alla Bahia Nassau, credo che sia tranquillamente fattibile. Se poi ci metti una barca appoggio, ancora meglio.
    La strategia vincente e’ il punto di avvicinamento alle isole Wollaston in caso si alzi un forte sud-ovest. Nella parte nord ci sono un paio di ripari poco conosciuti.
    Poi una volta a Caleta Martial, o,meglio, Maxwell, pianificare il doppiaggio del Capo e’ solo questione di buona meteorologia e attenzione alle correnti (consigliabile lasciare la isola Hall a nord).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su