developed and seo specialist Franco Danese

Bourgnon ce l’ha fatta! Lo svizzero giramondo è un eroe!

Vacanze diverse: tutti ad Amsterdam per il SAIL
26 giugno 2015
VIDEO MaYò 637, la barca autocostruita in tempo record
27 giugno 2015

Schermata 2015-06-26 a 14.09.51
L’ultima volta che vi avevamo parlato di lui era alla fine di ottobre scorso:
lo avevamo lasciato con il suo catamarano di sei metri e 20 sfracellato sulle coste dello Sri Lanka.

Il catamarano di Bourgnon sfracellato sulle coste dello Sri lanka nell'ottobre del 2014

Il catamarano di Bourgnon sfracellato sulle coste dello Sri lanka nell’ottobre del 2014

IL GIRAMONDO CE L’HA FATTA!
Yvan Bourgnon (43 anni), lo svizzero giramondo, è riuscito a rimettere in sesto il suo catamarano anche grazie a una campagna di fundraising e a completare la sua grande impresa: la circumnavigazione del globo (con partenza a Les Sables d’Olonne, avvenuta il 5 ottobre 2013, e arrivo a Ouistreham, in Normandia, il 23 giugno di quest’anno, dopo 626 giorni) su un catamarano non abitale con a disposizione soltanto un sestante per orientarsi sotto le stelle e una pila di carte nautiche. Trentamila miglia, 27 scali, tre oceani e tredici mari attraversati, 300 scuffie e un naufragio. Scusate se è poco.

bourgnonPIRATI!
Dopo l’incidente in Sri Lanka, Bourgnon, che ha un passato di velista oceanico di razza (nel 1995 vince la Mini Transat, il Mini Fastnet e la Transgascogne, nel ’97, assieme al fratello Laurent, trionfa alla Jacques Vabre, poi inanella una serie di record di percorrenza, a bordo di trimarani e catamarani, sia in Atlantico che in Mediterraneo), ha dovuto affrontare altre situazioni difficili.

©-Pierre-Guyot-Yvan-B-4-620x400Al largo di Socotra (isola a circa 300 km dalla costa somala e 350 km a sud della Repubblica dello Yemen a cui appartiene) si è imbattuto in una nave di pirati, che dopo aver confabulato tra loro in arabo, hanno deciso di risparmiarlo. Yvan è stato poi scortato da una nave militare nel Golfo di Aden.

arrivoUN’ALTRA COLLISIONE
Da lì è risalito nel canale di Suez approdando in Mediterraneo. Un colpo di sonno (proprio come quello che lo aveva fatto sbattere sugli scogli in Sri Lanka) gli ha causato una collisione con un peschereccio tunisino, ma questa volta, per fortuna, il catamarano ha retto passato lo stretto di Gibilterra Bourgnon ha fatto rotta a Ouistreham, dove amici, famiglia e un folto pubblico hanno festeggiato il suo ritorno.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

2 Comments

  1. Fabio bertelli ha detto:

    Che palle!!!
    Complimenti!

  2. […] Yvan Bourgnon al ritorno del suo incredibile giro del mondo a bordo di un catamarano non abitabile (di cui vi parliamo qui): suo fratello Laurent, due volte vincitore della Route du Rhum (1994 e 1998) e della Transat […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi