Quant23, la rivoluzione “pop” delle barche volanti

0507bb80-ff90-44db-945d-01b65df14c8d
La Dynamic Stability System (DSS) ha varato e testato a Cowes il Quant23, la prima barca dotata di chiglia in grado di navigare “full foiling”, ovvero completamente fuori dall’acqua, facile da gestire e quindi “aperta a tutti” (la facilità di scuffie, ingavonate e l’estrema fisicità che serve per le barche dotate di foil, ad oggi, ha costituito un limite alla loro diffusione)
. Il progettista Hugh Welbourn, in collaborazione con Gordon Kay, ha passato dieci anni tra studio e sviluppo del DSS, il sistema che sfrutta due appendici retrattili poste lateralmente a centro scafo e rappresenta un’alternativa alla canting keel (lo scafo più famoso che li utilizza è Wild Oats XI, il maxi di Bob Oatley). Come la chiglia a pendolo ha la funzione di aumentare la stabilità della barca e quindi la sua velocità.

Schermata 2015-06-18 a 12.13.29COSI’ VOLA IL QUANT23
Le ultime versioni del DSS non servono soltanto ad aumentare il momento raddrizzante, ma generano una forza idrodinamica verticale verso l’alto (lift) che, in combinazione con una pala del timone con foil a “T”, consente al Quant23 (la prima barca a montare i nuovi DSS) di navigare sollevato dall’acqua. Il “derivone” è l’ultimo della serie di barche sportive progettate da Welbourn per la QuantBoats, cantiere svizzero che ha dato i natali al Quant28 e al Quant30.

4_Q23_LPOTENZIALITA’ DA SFRUTTARE
“Il nostro team attuale”, ha detto Michael Aeppli di QuantBoats, “è il più esperto in assoluto per quanto riguarda le barche dotate di DSS. Poiché abbiamo passato tantissimo tempo a bordo di imbarcazioni che montano questo sistema, abbiamo capito che c’erano molte potenzialità: tra queste la possibilità di “volare”: chi è stato a bordo del Quant28 poteva sentire che la barca ci arrivava vicina, anche se non era stata progettata per farlo”.

Schermata 2015-06-18 a 12.13.55IN DIECI MINUTI STAI VOLANDO
Anche se il Quant23 è una barca foiling (pur dotata di chiglia), Welbourn ci tiene a precisare come sia concettualmente diversa rispetto a un Moth, un AC72 o un GC32: a differenza di questi, che richiedono grande prestanza fisica, atletica e tecnica, il 23 piedi svizzero è una soluzione per tutti. “Ci salite sopra, e dieci minuti dopo, senza rendervene conto, state già volando”, dice Welbourn.

A 10 NODI GIA’ VOLA…
In termini di performance, il progettista è convinto che il Quant23 possa raggiungere comodamente i 25 nodi: ciò che impressiona è comunque la capacità dello scafo di alzarsi in volo, di bolina, già a 10 nodi di velocità.

1d35647d-a147-4508-976c-5ea25de08f2fI SEGRETI PER UN “TRANQUILLO FOILING”
L’obiettivo non era quello di creare il foiler più veloce del mondo, ma uno scafo di facile conduzione in grado di mantenersi stabilmente in volo. “La barca fa il 90% del lavoro”, sostiene Aeppli. Parte del segreto sta nella stabilità intrinseca dei nuovi foil DSS, maggiore rispetto a quella fornita dalla “tradizionale” configurazione a T rovesciata. Secondo Welbourn, con la sezione, le proporzioni e la lunghezza della lamina la barca è studiata per “decollare” più velocemente piuttosto che raggiungere una più alta velocità finale (questo richiederebbe foil più piccoli con una sezione meno potente). “Tutto sta nel trovare il miglior equilibrio tra ciò che permette di far volare una barca con equipaggio di tre persone e bulbo di 60 chili, senza “shock” eccessivi”.

311425c8-22a8-42d4-9481-14830469824eTRA SCOW E FIREBALL
Se il full foiling è la caratteristica che salta all’occhio del Quant23, non dimentichiamo il suo look che strizza l’occhio agli scow americani e ai Fireball, con uno scafo dal bordo libero molto basso, con spigoli laterali e carena tondeggiante con il volume molto spostato a prua. La forma della barca è in funzione della stabilità: “Non c’è nemmeno bisogno di spostare il peso dell’equipaggio peso avanti e indietro per modificare il pescaggio dei foil”, conclude Welbourn. Per adesso è ancora un prototipo, che sta ancora affrontando numerosi test in Svizzera, e bisogna capire quanto costerà. Ma il sasso è scagliato…
www.quant-boats.com
www.dynamicstabilitysystems.com


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su