Per l’ISAF il prodiere vale zero. E gli olimpici si “incazzano”

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

11400998_859159414119954_6339605999124637668_nLa tappa della ISAF Sailing World Cup di Weymouth & Portland (dedicata alle classi olimpiche) che si sta correndo in questi giorni è diventata teatro di una furiosa polemica: quella sulla disparità tra i diritti (o privilegi?) di timonieri e prodieri all’interno dell’ISAF.

LA PIETRA DELLO SCANDALO
In particolare, la prodiera del grande velista argentino Santiago Lange (una vera e propria gloria olimpica con 4 edizioni dei Giochi sul groppone e tanti mondiali vinti), Cecilia Carranza Saroli, ha deciso di protestare contro la decisione dell’ISAF (la Federvela internazionale) di non consentirle di competere a Weymouth in quanto Lange è infortunato e non è in grado di disputare la regata. Il regolamento ISAF non permette di sostituire i timonieri in caso di necessità, mentre il prodiere può essere cambiato tranquillamente: è implicito quindi che i punti di ranking validi per l’accesso al circuito di Coppa del Mondo siano relativi soltanto al timoniere senza considerare chi sta a prua.

IN PIAZZA ANCHE SILVIA SICOURI
Il caso è stato molto “sentito” dai prodieri delle classi olimpiche, tra cui Silvia Sicouri, la nostra Velista dell’Anno e asso del Nacra 17 (assieme al timoniere Vittorio Bissaro), che ha deciso di farsi fotografare con il cartello “ISAF, we want equal rights for crews” (ISAF, vogliamo pari diritti per i prodieri).

RUOLI DISTINTI, MA IMPRESCINDIBILI
Si legge sulla pagina Facebook del Team Bissaro Sicouri: “I ruoli di timoniere e prodiere a bordo sono ben definiti e distinti, ma imprescindibili l’uno dall’altro; l’equipaggio forte è quello riesce a trovare equilibrio nelle dinamiche in navigazione e a terra, rispetto e fiducia nelle capacità del partner sono indispensabili per tagliare il traguardo e divertirsi nel farlo“. Fateci sapere cosa ne pensate con un commento.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Per l’ISAF il prodiere vale zero. E gli olimpici si “incazzano””

  1. Timoniere e prodiere, come drizzista, navigatore, tattico, tailer, ecc sono tutti ingranaggi di uno stesso meccanismo e contribuiscono a far funzionare al meglio la complessa macchina che è un equipaggio di una barca a vela. A prescindere dalla posizione che occupa, se un ingranaggio si rompe la macchina non funziona più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su