VIDEO E FOTO Intervista a Andrea Mura: “Al Vendée per vi… giocarmela”

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

20150610_142709
Il nuovo IMOCA 60 su cui Andrea Mura si presenterà al Vendée Globe 2016 (il giro del mondo in solitario senza scalo né assistenza) ha preso forma presso i cantieri Persico Marine di Nembro (BG)
, un’eccellenza italiana nel panorama cantieristico internazionale: verso i primi di agosto sarà varato a Lorient per affrontare subito l’impegno della Transat Jacques Vabre (da Le Havre a Itajaì, con partenza il prossimo 25 ottobre). Assieme al velista sardo, siamo stati in cantiere per vedere da vicino la barca, un bolide interamente in carbonio. Sentiamo cosa ci ha raccontato Mura, che non andrà certo al Vendée per “far numero”, ma per giocarsela ad armi pari con i più grandi oceanici del mondo:

LA NOSTRA INTERVISTA AD ANDREA MURA

I TRE PUNTI DI FORZA DELLA BARCAScafo 3:4 dall'alto B:W
Paolo Bordogna, uno dei tecnici che sta dietro alla realizzazione del progetto di Guillaume Verdier in collaborazione con lo studio VPLP (stiamo parlando di nomi “top” nella progettazione di barche oceaniche), ha individuato tre soluzioni progettuali che rendono il 60 piedi davvero innovativo e – toccando ferro – competitivo. La prua caratterizzata da una forma tonda e lo scafo a fondo piatto, con una freccia massima di 22 centimetri da prua a poppa; l’albero molto arretrato, che consente di ridurre la superficie della randa a vantaggio di quella delle vele di prua, e incrementare le performance alle portanti (durante un giro del mondo per la maggior parte del tempo, statisticamente, si va al lasco); infine i foils, che sebbene non consentano alla barca di sollevarsi in volo esercitano una spinta verso l’alto di circa 3.000 chili (stiamo parlando di uno scafo che ne peserà all’incirca 7.000, pochissimo).

GUARDA LE FOTO DELLA BARCA IN CANTIERE

UN FOLTO PROGRAMMA DA QUI AL 2018
Ecco il programma agonistico di Andrea Mura da qui al 2018

2015
TRANSAT JACQUES VABRE: Le Havre (Francia) – Itajai (Brasile), 25 ottobre
BTOB: Saint-Barthelemy-Roscoff (Francia), 5 dicembre

2016
TRANSAT: New York (USA) – Les Sables d’Olonne (Francia), 29 maggio
VENDÉE-GLOBE: Les Sables D’Olonne (Francia), 6 novembre

2017
ROLEX FASTNET RACE: Isle of Wight – Plymouth (UK), 13 agosto
TRANSAT JACQUES VABRE: Le Havre (Francia), 5 novembre

2018
BARCELONA WORLD RACE: Barcellona (Spagna), gennaio.
ROUTE DU RHUM: Saint-Malo – Point-à-pitre (Francia), novembre.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “VIDEO E FOTO Intervista a Andrea Mura: “Al Vendée per vi… giocarmela””

  1. Pingback: Volvo Ocean Race, le... SCAtenate vincono l'ottava tappa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

69esima Regata dei Tre Golfi. Ecco come sta andando

È partita da Napoli ieri pomeriggio la 69esima edizione della Regata dei Tre Golfi. 150 miglia tra le isole dei tre golfi, passando per Ischia, Procida, Zannone, Ponza e Capri. Oltre 100 le imbarcazioni iscritte. A 15 miglia dall’arrivo, Magic

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi