developed and seo specialist Franco Danese

Lo riconoscete? Il Class 40 di Miceli torna a casa!

Champions League della vela, benvenuta Italia!
21 maggio 2015
VIDEO Velista dell’Anno, le interviste ai protagonisti: Roberto Tomasini Grinover
22 maggio 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Recupero Eco40_2Lo riconoscete, seppur così malconcio? Matteo Miceli ha ritrovato e sta riportando a casa il suo Eco 40. Il Class 40 autocostruito con cui era partito per il Roma Ocean World, ovvero il giro del mondo in solitario senza scalo né assistenza e in completa autonomia energetica e alimentare. E con cui, il 13 marzo scorso, si era rovesciato in Atlantico, davanti alle coste del Brasile, dopo aver perso la chiglia. Il velista laziale era al 146mo giorno di navigazione e aveva già percorso 25 mila miglia.

GUARDA LE FOTO DEL RECUPERO

DAL NAUFRAGIO AL RECUPERO
Dopo essere stato recuperato dal mercantile Aramon, battente bandiera delle Isole Marshall, aveva deciso di recuperare la barca: era partito con gli amici che lo avevano aiutato a mettere su l’impresa ma aveva perso il segnale del satellitare e aveva deciso di rinunciare. Finché Iker Martinez, il campione spagnolo impegnato nella Volvo Ocean Race, aveva “twittato” l’immagine di Eco 40 scuffiato chiedendo di chi fosse la barca: un’immagine che gli avevano inviato direttamente da un peschereccio brasiliano. Si era riaccesa la speranza, e, zitto zitto, Miceli stava riorganizzando il recupero in sordina. Non si era voluto sbilanciare neanche quando gli abbiamo consegnato il premio Passion al TAG Heuer VELAFestival per la sua quasi-impresa. Il 19 maggio la notizia del ritrovamento e del recupero di Eco40. Dopo due mesi dall’avvenuto naufragio, è stata localizzata, capovolta, a largo dell’Arcipelago Fernando de Noronha, nell’Atlantico a circa 350 km dalle coste brasiliane.

“DIFFICILE RIMETTERLA A NUOVO”
Le parole di Matteo tradiscono tutta l’emozione per il ritrovamento della sua creatura: “Difficile trovare l’energia per rimetterla in pista. Ora aspettiamo MSC che ce la riporta a casa. Purtroppo abbiamo trovato la barca devastata e l’albero rotto in tre pezzi. E’ stata lunga la mia apnea per tagliare tutto e
per posizionare un pallone che agevolasse il raddrizzamento. Onde pioggia e vento
poi purtroppo non ci hanno aiutato. Una volta dritta l’abbiamo svuotata dall’acqua e trainata”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi