Lo riconoscete? Il Class 40 di Miceli torna a casa!

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Recupero Eco40_2Lo riconoscete, seppur così malconcio? Matteo Miceli ha ritrovato e sta riportando a casa il suo Eco 40. Il Class 40 autocostruito con cui era partito per il Roma Ocean World, ovvero il giro del mondo in solitario senza scalo né assistenza e in completa autonomia energetica e alimentare. E con cui, il 13 marzo scorso, si era rovesciato in Atlantico, davanti alle coste del Brasile, dopo aver perso la chiglia. Il velista laziale era al 146mo giorno di navigazione e aveva già percorso 25 mila miglia.

GUARDA LE FOTO DEL RECUPERO

DAL NAUFRAGIO AL RECUPERO
Dopo essere stato recuperato dal mercantile Aramon, battente bandiera delle Isole Marshall, aveva deciso di recuperare la barca: era partito con gli amici che lo avevano aiutato a mettere su l’impresa ma aveva perso il segnale del satellitare e aveva deciso di rinunciare. Finché Iker Martinez, il campione spagnolo impegnato nella Volvo Ocean Race, aveva “twittato” l’immagine di Eco 40 scuffiato chiedendo di chi fosse la barca: un’immagine che gli avevano inviato direttamente da un peschereccio brasiliano. Si era riaccesa la speranza, e, zitto zitto, Miceli stava riorganizzando il recupero in sordina. Non si era voluto sbilanciare neanche quando gli abbiamo consegnato il premio Passion al TAG Heuer VELAFestival per la sua quasi-impresa. Il 19 maggio la notizia del ritrovamento e del recupero di Eco40. Dopo due mesi dall’avvenuto naufragio, è stata localizzata, capovolta, a largo dell’Arcipelago Fernando de Noronha, nell’Atlantico a circa 350 km dalle coste brasiliane.

“DIFFICILE RIMETTERLA A NUOVO”
Le parole di Matteo tradiscono tutta l’emozione per il ritrovamento della sua creatura: “Difficile trovare l’energia per rimetterla in pista. Ora aspettiamo MSC che ce la riporta a casa. Purtroppo abbiamo trovato la barca devastata e l’albero rotto in tre pezzi. E’ stata lunga la mia apnea per tagliare tutto e
per posizionare un pallone che agevolasse il raddrizzamento. Onde pioggia e vento
poi purtroppo non ci hanno aiutato. Una volta dritta l’abbiamo svuotata dall’acqua e trainata”


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Polizia Slovena

Se hai un natante… SLOVENIA PROIBITA

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Se

2 euro croati

Crociera in Croazia 2023, cosa cambia con Schengen

Dal 1° gennaio la Croazia, già paese membro dell’Unione Europea, è entrata ufficialmente a far parte dello spazio Schengen e ha adottato l’euro. Abbiamo chiesto all’Ente Nazionale Croato per il Turismo, cosa cambia per i diportisti italiani che vogliono visitare

Torna su