developed and seo specialist Franco Danese

VELA Cup, 148 barche invadono il Tigullio: ecco come è andata

FOTOGALLERY Spindrift 2, il gigante è pronto per il giro del mondo
13 maggio 2015
Senza bulbo, senza randa. Il “decalogo” di Ernesto Tross per la barca perfetta
14 maggio 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

aaIMG_6430Era dal 1997 che in Tigullio non si vedevano così tante barche: 148, per la precisione. Questo il numero dei partecipanti alla TAG Heuer VELA Cup, la regata del VELAFestival, con un totale di circa 1200 velisti coinvolti.

aaIMG_7368TUTTI CONTRO TUTTI (APPASSIONATAMENTE)
Un “tutti contro tutti appassionatamente” che è stato la chiave di volta della manifestazione: non capita tutti i giorni di vedere regatare fianco a fianco derive come 420 e Laser con cabinati di ogni dimensione; ma soprattutto di avere la possibilità di sfidare sulla linea di partenza grandi velisti quali, ad esempio, Tommaso Chieffi, Giorgio Benussi (imbarcati a bordo di My Song di Pigi Loro Piana), Andrea Casale e Silvio Arrivabene (assoldati su Oscar II, il Mylius 15E25 di Aldo Parisotto). E la lista potrebbe continuare…

17914_959208820780346_8982361392073938719_nUNA REGATA PER VECCHI E PICCINI
A ulteriore testimonianza di come la VELA Cup sia stata una manifestazione aperta a tutti, citiamo il più giovane e il più anziano partecipante: Matteo, imbarcato su un Oceanis 411 a soli 4 mesi di età e Angela Besana Gagliardi, arzilla 97enne che, ci ha rivelato in un’intervista, ha sperato fino all’ultimo di poter stare al timone.

aaIMG_6389BONACCIA NO GRAZIE
L’unico timore, quello relativo alla bonaccia (che in Tigullio spesso condiziona le regate), è stato spazzato via da un ponente tra i 6 e i 10 nodi che ha permesso ai partecipanti di completare in tranquillità il percorso di 9 miglia: partenza davanti a Santa Margherita Ligure per poi lasciare a sinistra la meda di Portofino e dirigersi verso quella al centro del Golfo, tornare alla boa di partenza e nuovamente girare la meda di Portofino per arrivare infine nelle acque antistanti Santa.

aaIMG_6550MY SONG PIGLIATUTTO
Il My Song di Loro Piana ha archiviato la regata in poco meno di un’ora e un quarto, vincendo in tempo reale oltre che nella generale della classe Regata e dei Maxi Regata. Al secondo posto overall il Felci 61 Itacentodue di Adriano Calvini e al terzo la succitata Oscar II. Il premio al miglior club velico sulla base dei piazzamenti degli equipaggi portacolori è andato allo Yacht Club di Chiavari, mentre il premio Gentlemen Yachting, riservato alla barca giudicata più elegante, è andato ad EA, splendido Baglietto del 1952.

DUFOUR CUP, LA REGATA NELLA REGATA
All’interno della VELA Cup è andata in scena la Dufour Cup, riservata alle barche sfornate dal cantiere francese. Ed è stata anch’essa un successo, con quindici barche al via. Alla fine, a spuntarla su tutti, è stato il Dufour 34 Performance di Giuseppe Tadini, Campione Italiano ORC in carica.

Tutte le classifiche della VELA Cup e della Dufour Cup, categoria per categoria, potete trovarle a questo link:

http://www.velafestival.com/risultati-e-classifiche-vela-cup/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi