VIDEO K2, non sei tu a far volare l’aquilone, ma viceversa!

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Schermata 2015-05-12 a 12.20.50Voi ve lo fareste un giro a bordo del K2 Kiteboat? Si tratta di un velocissimo trimarano dotato di foil con i due scafi laterali “sfasati” (più corti e spostati avanti), espressamente progettato per muoversi grazie all’aquilone. Insomma, non sarete voi a far volare l’aquilone, ma viceversa. La passione kite è esplosa negli ultimi 10 anni, ma Don Montague, il deus ex machina del progetto Kiteboat, attacca aquiloni alle barche fin dal 1997. E i risultati arrivano. Nel corso dell’ultimo test, nella baia di San Francisco, K2 si è alzata sull’acqua e ha fatto registrare la velocità di 34 nodi, con un vento che oscillava tra i 10 e i 14 nodi. kiteboat.com

GUARDA IL VIDEO

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Un

velisti-salvati

VIDEO Tre velisti salvati nella tempesta appena prima del naufragio

Per fortuna che c’è la RNLI, dicono gli inglesi e gli irlandesi. Acronimo di Royal National Lifeboat Institution, è un ente fatto da volontari con un unico scopo. Salvare vite in mare. I suoi volontari forniscono un servizio di ricerca e

uomo a mare

VIDEO Uomo a mare recuperato in 28 secondi netti. Applausi!

Questo video, apparso sulla pagina Facebook di Drone Project, mostra una manovra di recupero dell’uomo a mare eseguita alla perfezione. Fidatevi, non era facile. Considerando anche la flotta di barche in velocità e a distanza ravvicinata. Siamo alla prima tappa

Torna su