developed and seo specialist Franco Danese

LA NOSTRA PROVA Maxi 1200, il nuovo cruiser secondo gli svedesi

Work in progress… sta prendendo forma il TAG Heuer VELAFestival. Parla il sindaco di Santa Margherita
5 maggio 2015
FOTO Meno uno al VELAFestival, stiamo lavorando per voi
6 maggio 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Maxi1200_MS_066Siamo stati a Palma di Maiorca, alle Baleari (Spagna), per provare in anteprima il nuovo Maxi 1200, il 38 piedi disegnato da Pelle Petterson (con interior design di Tony Castro) di Maxi Yachts, storico brand svedese acquisito dalla polacca Delphia Yachts. Sul numero di Giugno del Giornale della Vela troverete la prova completa, intanto vi diamo qualche anticipazione.

Maxi 1200SCAFO E COPERTA
Lo scafo è caratterizzato da linee pulite, con lo spigolo che corre fino a oltre la metà della barca. Razionalità anche in coperta, con tutte le manovre essenziali (come il fiocco) rinviate alla portata del timoniere. Due i timoni in carbonio e peculiare il winch centrale dedicato alla scotta della randa, subito attaccato al tavolino pieghevole. Il baglio massimo è ristretto (3,75 metri) in modo tale da garantire migliori prestazioni in bolina.

VIDEO: COSA CI E’ PIACIUTO (E COSA VA MIGLIORATO) A BORDO

INTERNI
Per quanto riguarda gli interni Castro ha pensato a due configurazioni disponibili, a due e tre cabine. Sulla barca che abbiamo provato (un prototipo, va detto), il layout era a due cabine, con armatoriale a prua, cabina ospiti a poppa, a sinistra e spazioso bagno a dritta, dotato di vano doccia in vero stile “svedese”. Ricca di soluzioni intelligenti (come la cappa sopra i fornelli per aspirare i cattivi odori e il doppio frigo) la cucina, posta nel quadrato a prua della cabina ospiti, e le sedute nel “salotto”, che con un sistema di incastri si trasformano in un letto doppio.

GUARDA IL VIDEO DELLA BARCA IN NAVIGAZIONE

IN NAVIGAZIONE
Abbiamo provato il Maxi 1200 con 4/5 nodi di vento al massimo, sul mare piatto che spesso però presentava treni d’onde provocati dai motoscafi. Un particolare importante che ci ha permesso di capire la buona capacità di inerzia della barca, che fendeva i frangenti senza perdere praticamente di velocità. In bolina, con 3,5 nodi d’aria abbiamo raggiunto i 3.1 nodi di velocità reale (SOG), a un angolo apparente di 26° (45° di reale). Con 4,5 nodi abbiamo toccato i 4,2 nodi (28° di apparente). La maggior velocità raggiunta è stata di 5,1 nodi con 5,5 nodi d’aria, ma con un angolo appartente più largo (38°). Al lasco, a vele bianche, a 120° di angolo reale e 4 nodi d’aria, abbiamo registrato un picco massimo di 2,6 nodi.

A motore, la velocità di crociera (2.000 giri motore 40 CV) raggiunta è stata 6.1 nodi, a 1.000 giri 3,6 nodi. A 2.900 giri abbiamo toccato i 7,9 nodi. Ottima la capacità di sterzo della barca, capace di effettuare una curva strettissima lanciata in piena velocità e senza eccessivo rollio. L’ormeggio è facilissimo grazie al bow thruster in dotazione. http://www.delphia-yachts.it/maxi-yachts.html

SCHEDA TECNICA
Lunghezza ft 12,16 m
Lunghezza al galleggiamento 10,60 m
Baglio max 3,75 m
Pescaggio (tripla opzione) 2,32/2,00/1,75 m
Dislocamento 7,30 t
Serbatoio acqua 260 l
Serbatoio carburante 150 l
Sup. velica randa 46,50 mq
Sup velica fiocco (108%) 37,50 mq
Progetto Pelle Petterson
Interni Tony Castro
Prezzo da 178.000 euro + Iva (versione standard)

1 Comment

  1. athos ha detto:

    capacità di sterzo ?? ma chi fa i test ? un ‘autoscuola ?? curva strettissima lanciata a piena velocità ?
    quasi tutti i commenti vengono fatti evidentemente da una persona a poco avvezza ai termini nautici?? SCANDALOSOO per una rivista storica !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fai il bordo giusto, iscriviti!

La newsletter più completa per il mondo della vela