VIDEO G4 scuffia a St. Barth. Troppo presto per i foil da crociera?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Il Gunboat G4 vi aveva fatto discutere: molti avevano espresso dubbi sulla sicurezza di un catamarano di 12 metri da crociera dotato di foil. E in effetti… Guardate cosa è accaduto a Timbalero III, l’esemplare numero uno della serie “volante” alle Voiles de St. Barth: una raffica di troppo e il team si è ritrovato la barca per cappello (per fortuna nessuno si è fatto male). Non è facile raddrizzare un catamarano da una scuffia quando si tratta di una deriva, figuriamoci un 40 piedi. Ci è voluto del tempo e alcune barche d’assistenza. Come ogni prototipo il G4 andrà perfezionato. Ma c’è una nota positiva: una volta raddrizzata, l’imbarcazione era in perfette condizioni.

GUARDA LA SCUFFIA DEL GUNBOAT G4

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

9 commenti su “VIDEO G4 scuffia a St. Barth. Troppo presto per i foil da crociera?”

  1. i foil sono per gente che sa utilizzarli.
    la velocità e le reazioni del mezzo sono completamente diverse da un cat tradizionale a dislocamento, e con queste dimensioni le inerzie diventano importanti e difficili da controllare.
    il commento precedente nn è una battuta di spirito, è la realtà dei fatti. mezzi di questo tipo dovrebbero prevedere obbligatoriamente corsi di manovra dedicati tipo “patentino” prima di potere essere usati in navigazione. il pericolo per l’equipaggio e per chi attrversa la loro rotta è troppo alto.

  2. vittorio de blasiis

    Gli AC 45 scuffiano, scuffiano pure gli ac 72.. con equipaggi di professionisti…la verità e che quando si parla di volare con i catamarani si entra in terreni quasi inesplorati e un catamarano da crociera con i foil …oggi non ha molto senso..a meno di non considerarlo un prototipo di studio da non immettere sul mercato, per essere pronti per un prossimo futuro in cui il volo sarà sicuramente più gestibile.

  3. Ma l’avete guardato il filmato o no?? Non vi fate troppe seghe mentali sui foil… Bastava LASCARE RANDAAAA!!!! Credo fosse questo ciò che intendesse il commento molto british di Simalu. Il randista (se così possiamo chiamare chi davvero ha combinato tutto sto casino) per me era già al quinto mojito…

  4. E che ne sappiamo noi che il randista non avesse avuto un problema con l’attrezzatura? E non potrebbe capitare lo stesso ad un equipaggio in crociera, anche se preparatissimo e con un eventuale patente all’abilitazione alla manovra dei cat con i foil? Ma che ne sappiamo noi qui dietro la tastiera?

  5. Appunto… ritorniamo a bomba: cosa cavolo c’entrano ‘sti benedetti foil? E’ evidente che lì, dietro alla tastiera, non ne capite un gran chè!

  6. vittorio de blasiis

    al timone del G4 al momento della scuffia c’era Mischa Heemskerk uno dei timonieri più titolati al mondo nei catamarani, campione del mondo classe A e uno dei precursori nell’utilizzo dei foil…. credo che più titolato di lui non ci fosse quasi nessun altro…

  7. la velocità è pazzesca! non si aspettavano potesse succedere e forse mollare la randa non è stato possibile come su di una deriva. dovrebbero inventare qualcosa che mette le vele in bando appena si supera un grado di sbandamento. Comunque complimenti alla Gunboat per aver avuto il coraggio di pubblicarlo.

  8. ma cosa lascare randa? ma ci rendiamo conto di cosa state dicendo?
    innanzi tutto sono sotto gennaker quindi il timoniere doveva POGGIARE invece è andato all’orza…cambiare equipaggio!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

Un ingresso in porto da veri eroi per i due velisti a bordo di questo catamarano: hanno saputo aspettare il momento giusto per “surfare” grazie alle altissime onde che frangono in prossimità della costa inglese del Merseyside, a Southport. GUARDA

velisti-salvati

VIDEO Tre velisti salvati nella tempesta appena prima del naufragio

Per fortuna che c’è la RNLI, dicono gli inglesi e gli irlandesi. Acronimo di Royal National Lifeboat Institution, è un ente fatto da volontari con un unico scopo. Salvare vite in mare. I suoi volontari forniscono un servizio di ricerca e

Torna su