Quando Capo Horn lascia il segno…. fa male

Volvo Ocean Race 2014-15 - Leg 4 to AucklandLa forza di un immagine spiega la violenza naturale di uno dei capi del nostro pianeta dove navigare a vela risulta sempre un’impresa epica: Capo Horn. Le mani di questo marinaio del team Alvimedica (l’equipaggio “giovane” ha concluso in terza posizione la quinta tappa della Volvo) sono dei veri documenti di cosa vuol dire navigare in mari infidi, freddi, implacabili. Quelle mani che vedete proprio qui sopra ne sono la testimonianza. Non importa se questi marinai della Volvo Ocean Race sono dei privilegiati, vestiti come se fossero degli astronauti della Nasa, a bordo di barche ipertecnologiche. Non importa se gli sponsor hanno dotato i team di sostanziosi supporti economici e se, quando finisce la regata, l’equipaggio alloggia in un hotel cinque stelle lusso. Quando il gioco si fa duro, e a quelle latitudini il mare spietato lo è veramente. E tutti diventano uguali. Quelle mani segnate dal freddo, dall’usura, dalla fatica, ne sono la testimonianza.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su