Coppa America, Luna Rossa si ritira (ma non è detta l'ultima parola)

bertelliLuna Rossa ha annunciato il suo ritiro dalla Coppa America. Il team di Patrizio Bertelli si era già schierato nettamente contro la proposta di ridurre le dimensioni delle barche scelte per l’edizione 2017 (gli AC62, abbandonati in virtù di catamarani compresi tra i 45 e i 50 piedi), proposta passata per 3 voti a 2 nelle votazioni di ieri. Oggi la decisione. Durissima, ma la Coppa ci ha insegnato ad essere cauti e secondo noi non è detta l’ultima parola (anche perché l’uscita di scena di Prada significa anche l’annullamento dell’evento inaugurale delle AC45 World Series a Cagliari, dal 4 al 7 giugno). Peraltro, Luna Rossa era stata nominata Challenger of Record dopo l’uscita di scena degli australiani.

“BASTA COMPROMESSI”
Icastico Bertelli: “Nello sport, come nella vita, non si può rincorrere sempre il compromesso del compromesso del compromesso; talvolta si impongono decisioni dolorose ma nette, che sole possono far prendere coscienza delle derive di un sistema e porre così le basi per un futuro di legalità e rispetto dei valori sportivi”.

LE RAGIONI DELL’ABBANDONO
Nel comunicato del team vengono esposte le ragioni che hanno causato l’iniziativa “senza precedenti”, con “gravi implicazioni”. E lasciatecelo dire, l’imprenditore toscano non ha tutti i torti. Si legge infatti che:

IN BARBA AL REGOLAMENTO
– “Il risultato della votazione proposta dall’Organizzatore con l’accordo del Defender della 35^ Coppa America di fatto stravolge, a maggioranza, le Regole di Classe delle imbarcazioni con cui verrà disputata questa edizione, già adottate all’unanimità dai concorrenti e in vigore dal giugno 2014. Team Luna Rossa ritiene infatti la procedura seguita illegittima, in quanto si fonda su un palese abuso di diritto che utilizza surrettiziamente le modalità per la modifica del Protocollo allo scopo di ribaltare la Regola di Classe, la quale richiede invece l’unanimità dei team iscritti”.

MONOTIPI, MA CHI LI HA MAI VISTI IN COPPA AMERICA?
– “Si pretende così di introdurre imbarcazioni sostanzialmente monotipo, in totale contrasto con la più che centenaria tradizione della Coppa America, accordando inoltre un ulteriore periodo di due mesi per apportare modifiche regolamentari decise a maggioranza. Tutto ciò rende non credibili ed aleatorie le basi tecniche di quella che dovrebbe essere invece la più sofisticata competizione velica al mondo”. E in effetti, come dare torto a Bertelli e soci? La Coppa America, la più antica competizione velica al mondo, non si è mai corsa su monotipi, fin dal lontano 1851.

ALTRO CHE RISPARMIO DI RISORSE
– “Questo radicale cambiamento comporta anche uno spreco di importanti risorse già investite sulla base del regolamento sancito nel giugno dello scorso anno, cosicché la addotta pretesa di contenere i costi si rivela un puro pretesto volto ad annullare il lavoro di ricerca e sviluppo di alcuni team, favorendo invece precostituite posizioni tecnico-sportive mediante il cambio del principale elemento della gara, la barca. A conferma di ciò, è opportuno ricordare che il Team Luna Rossa ha spesso avanzato proposte che avrebbero contenuto i costi senza snaturare le caratteristiche dell’imbarcazione, ma tali proposte sono state tutte puntualmente respinte dal Defender (Oracle Team USA, ndr)”.

SENTIRSI PRESI IN GIRO DAL DEFENDER
– “Team Luna Rossa ha anche preso in considerazione la possibilità di un ricorso alla Corte Arbitrale prevista dal Protocollo, ma ha dovuto constatare che dopo dieci mesi dalla firma del medesimo il Defender ha solo ora avviato le prime formalità per la costituzione di questo importante organismo, contribuendo così a rendere ancora meno affidabile e credibile l’intera governance dell’Evento”.

CIAO CIAO CAGLIARI
Si legge ancora: “Team Luna Rossa si rammarica per le ripercussioni che questa non facile decisione potrà avere sui componenti del Team – anche se tutti gli impegni contrattuali verranno onorati – e sulla manifestazione velica prevista a Cagliari per il prossimo giugno e naturalmente per la delusione che provocherà nei numerosissimi appassionati che hanno sostenuto Luna Rossa durante le ultime quattro edizioni della Coppa America. Patrizio Bertelli ha dichiarato: “Ringrazio tutto il team per l’intenso lavoro svolto durante l’ultimo anno, purtroppo vanificato da questa manovra, senza precedenti nella storia della Coppa America”.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Coppa America, Luna Rossa si ritira (ma non è detta l'ultima parola)”

  1. Pingback: La Coppa America si vince (sempre) a terra / Prima parte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Torna su