NEO 350: nato per essere lo scafo più veloce del gruppo C ORC

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

203 with logoAbbiamo chiesto a Paolo Semeraro di presentarci il NEO 350, l’ultimo progetto di NEO Yachts frutto ancora una volta di un lavoro in tandem tra lui e il progettista Giovanni Ceccarelli: “Nato ancora una volta dalla matita di Giovanni Ceccarelli, il NEO 350 è un fast cruiser racer come la sorella maggiore NEO 400 ma disegnata con una particolare attenzione a non pagare inutili penalità sul regolamento ORC (2015) e nell’IRC. Il dislocamento leggero del NEO 350 è pensato per renderlo la barca più veloce del gruppo C negli eventi ORC dove sarà applicato il CDL per la divisione in classi.

202 with logoCon un dislocamento fra i 3650 e i 3750 kg (a seconda della versione e accessori scelti), una lunghezza di 10,70 mt ed una larghezza di 3,6 mt, il NEO 350 permette elevate velocità sia con vento leggero che forte ma anche una incredibile abitabilità con due cabine poppiere di tre cuccette ognuna .
302 with logo

La versione LOFT (open space) insieme al timone a barra è quella più sportiva, ma
è possibile avere la barca anche nella versione “2X2” con due timonerie in carbonio ed interni a due cabine insieme ad un grande bagno con doccia.
La versione base è realizzata in infusione con resine vinilestere e composito di PVC e fibra di vetro unidirezionale e con albero in alluminio.
La versione race è realizzata con resine epossidiche , rinforzi in carbonio, albero , boma bompresso in carbonio.
Gli interni sono strutturali in composito.
Nata per planare con spi asymmetrico sul bompresso, il NEO 350 è pensata anche per ben figurare in handicap nei bastoni grazie alla possibilità dell’armo con spi simmetrico su tangone e molta attenzione al regolamento ORC.
E’  possibile infine una opzione con water ballast per l’utilizzo in regate single or double handed.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “NEO 350: nato per essere lo scafo più veloce del gruppo C ORC”

    1. finalmente la rivoluzione tanto attesa .
      abolite le cabine di prua invivibili finalmente
      una dinette trasformabile come le barche a motore
      ottima cucina a murata e bagno che ci stai ,
      ti prego Ceccarelli diffondi questo layout su tutte le barche di tutti i cantieri e sarai ricordato come Marconi .10&lode

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su