developed and seo specialist Franco Danese

Quei pazzi del kayak a vela a zonzo per l'Europa

Velista dell'Anno 2015, l'exploit di Globulo Rosso (e la polemica di Mahatma)
12 febbraio 2015
Cosa c'è di interessante sul mercato degli accessori?
13 febbraio 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

imageTu che sei ligure, questa storia è tua. Quei pazzi del kayak a vela sono arrivati a Santa Margherita”, mi dicono in redazione. “Quei pazzi” sono il danese Lars Simonsen e la moglie olandese Suzi (ex gestori di un ostello in Danimarca) con i figli Tiuri e Liva, rispettivamente di otto e sei anni. I quattro sono salpati da Copenhagen con destinazione Istanbul (dove arriveranno il prossimo luglio) a bordo di due Hobie Tandem Island, ovvero dei piccoli trimarani il cui scafo centrale è un kayak “sit-on-top” dove trovano spazio due persone. L’Hobie Tandem Island è lungo 5,64 metri e largo 3,05. L’albero leggero attorno al quale si rolla la randa di 8,4 mq è alto 5,50 m. Il peso totale della barca – kayak più scafi laterali – è di 86 chili.

imageSETTEMILA CHILOMETRI NON SONO UNO SCHERZO
L’armo è essenziale: una randa rollabile senza boma. Non si tratta di uno scherzo: “Sono circa 7.000 chilometri, seguendo la rotta che abbiamo pianificato”, mi racconta Lars, “questo significa che per rispettare i tempi dovremo coprire circa 20 km al giorno”. Partita dalla capitale danese, la famiglia Simonsen ha percorso un tratto di Mar Baltico, i canali della penisola dello Jutland, le coste tedesche, olandesi e belghe sull’atlantico, per poi attraversare l’Europa sfruttando il sistema di canali francese.

image“VOLENDO, SI PUO’ ARRIVARE IN GEORGIA”
Approdati in Mediterraneo nel marsigliese, i quattro hanno proseguito verso ovest, passando per la Liguria. Costeggeranno lo Stivale fino a Brindisi, dove compieranno la traversata verso l’Albania. “Se il viaggio andrà bene”, prosegue Simonsen, “troveremo gli sponsor per continuare a sostenerci e, una volta a Istanbul, attraverseremo il Mar Nero fino alla Georgia”. I figli si trovano benissimo: “Abbiamo scelto il kayak a vela perché in navigazione avremmo evitato di spruzzare Tiuri e Liva con l’acqua sollevata dalle pagaiate”, scherza Lars. I due bambini seguono il regolare programma scolastico danese via telematica, sfruttando i tablet.

imageIL VIAGGIO NEL SANGUE
D’altro canto, sono già viaggiatori esperti: da quando è nata Liva, i Simonsen hanno viaggiato in Groenlandia, Europa, USA, Indonesia, Australia, Malesia, Canada e Sudamerica. A volte a bordo di una macchina sgangherata, altre in camper, in bicicletta, a piedi e in tenda. “Ma è la prima volta che usiamo un kayak a vela; non siamo mai andati in barca, ma non è un problema. Il modo migliore per imparare ad andare a vela è andare a vela”.

DOVE SONO I SIMONSEN?
L’avventura della famiglia Simonsen, denominata Life Is Good Follow Us, è seguibile in diretta (con news sempre aggiornate) sul sito internet www.lifeisgoodfollowus.com. a queto link invece trovate il tracking. I quattro sono anche testimonial della onlus Nuru International contro la povertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi