Salone Nautico 2015: il governo se ne infischia e chiude i rubinetti

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

calendaQualche mese fa Carlo Calenda, viceministro dello Sviluppo Economico, si era proposto come “salvatore della nautica italiana”, annunciando che il governo aveva pronti sul piatto cinque milioni di euro (certamente non una cifra altissima, ma meglio che un pugno in un occhio) per il rilancio del settore. Ma, aveva avvertito nel corso di una conferenza al Salone di genova 2014, i fondi non sarebbero stati erogati in mancanza di un progetto valido “fatto per l’industria”.

NIENTE SOLDI PER IL SALONE NAUTICO
Evidentemente il signor Calenda non ha ritenuto interessante il progetto del nuovo Salone (confermato il format dello scorso anno, con l’aggiunta di nuove aree espositive quali diving, pesca e “sport acquatici”): ha infatti dichiarato le intenzioni del Governo di non supportare economicamente la kermesse nautica genovese.

IL GOVERNO FA LA FRITTATA E… SE NE LAVA LE MANI?
Rimbocchiamoci le maniche, caro viceministro Calenda: proprio il 2015 è un anno di estrema importanza, quello in cui Genova potrebbe di fatto divenire la “costola” nautica dell’Expo di Milano. Un’occasione più che ghiotta per dare nuova linfa a un settore martoriato (oltre che dalla crisi strutturale) dalle manovre suicide del governo Monti. Oppure dobbiamo leggere le sue dichiarazioni come un “la frittata l’ha fatta il governo, ora però sono cavoli vostri”?.

LA REPLICA DEL COMUNE DI GENOVA
Intanto, la replica del Comune di Genova non è tardata ad arrivare: “Le difficoltà del settore”, si legge in un comunicato stampa, “e quelle che si sono manifestate nell’organizzazione di categoria non devono costituire motivo né pretesto per negare un appoggio, anche finanziario, al Salone di Genova. Il Salone riveste un ruolo importante per la nautica e l’economia nazionale, ed è sempre stato la vetrina di un comparto fondamentale del made in Italy. In questo momento di grave crisi del settore è ancor più necessario che il governo nazionale riconosca questa realtà e la sostenga”.

CHI E’ CARLO CALENDA
Carlo Calenda, 41 anni, divenne famoso a 10 anni come piccolo attore nello sceneggiato televisivo Cuore, tratto dall’omonimo romanzo di Edmondo De Amicis e diretto dal nonno Luigi Comencini. Sua mamma è la regista e scrittrice Cristina Comencini.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Salone Nautico 2015: il governo se ne infischia e chiude i rubinetti”

  1. Pingback: Ucina. Tacoli annuncia: "1 milione per l'export e vogliamo esserci all'Expo di Milano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su