RORC Caribbean 600: ci sarà il nuovo Rambler 88

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Rambler 88Si scaldano i motori per la settima edizione della RORC Caribbean 600 (con partenza il prossimo 23 febbraio) la regata più affollata dei Caraibi, con partenza e ritorno ad Antigua per un totale di 600 miglia. Quest’anno si annuncia una regata con ancora più partecipanti dell’anno scorso (60). Si tratta di una delle manifestazioni più belle nelle acque caraibiche: in primis per il livello della flotta (tanti gli scafi “corsaioli”, l’anno scorso ha vinto in tempo reale Bella Mente di Hap Fauth), poi per il percorso che tocca alcune tra le più belle location di tra Antigua e Guadalupa, risultando nel contempo particolarmente stimolante per tattici e strateghi.

imageOCCHI PUNTATI SUL RAMBLER 88
Quest’anno gli occhi sono puntati sul nuovo gioiello di George David, il Rambler 88. David, già armatore del frantuma-record Rambler 100 (che scuffiò nel clamore dei media al Fastnet del 2011), proverà a battere il record che lui stessò stabilì nel 2011: 40 ore, 20 minuti e 2 secondi. Le potenzialità ci sono tutte: l’equipaggio del nuovo Rambler conterà su membri del vecchio team più alcune new entry direttamente dalla Coppa America e dalla Volvo Ocean Race, come Brad Butterworth, Stu Bannatyne e Brad Jackson. La concorrenza non manca: i due 100 piedi Ragamuffin 100 e Leopard, i due VOR 70 Monster Project e Maserati, del nostro Giovanni Soldini.

imageLa barca, varata il dicembre scorso nei cantieri New England Boatworks nel Rhode Island, è firmata dall’architetto argentino Juan Kouyoumdjian: lunga 88 piedi, è dotata di uno scafo dalle forme “potenti” con gli spigoli, caratteristici dei progetti di Kouyoumdian, che corrono lungo tutta la barca, molto pronunciati. La chiglia è basculante e interessante risulta il posizionamento dei due daggerboard, molto vicini alla linea di mezzana della barca. L’assenza di coffee grinder a bordo suggerisce che sia una barca automatizzata al massimo.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

I migliori catamarani del 2024 per gli americani sono questi

Lo scorso 3 aprile durante l’International Multihull Boat Show allestito a La Grande Motte, in Francia, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso “Multihull of the Year” organizzato in collaborazione con la rivista statunitense Multihulls World. Negli ultimi

Registrati



Accedi