La storia si ripete: Hugo Boss disalbera nell'Atlantico del Sud!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

140409_HugoBoss_006-644x425Alex Thomson e Pepe Ribes, a bordo dell’Imoca 60 Hugo Boss, hanno disalberato nell’Atlantico del Sud mentre erano in testa alla classifica della Barcelona World Race, il giro del mondo senza scalo in coppia. E’ successo ieri sera, 370 miglia al largo delle coste brasiliane. Probabilmente la causa del disalberamento va ricercata in una rottura dell’armo.

Nel tracking, lo scafo nero che punta il Brasile è Hugo Boss, dopo il disalberamento
Nel tracking, lo scafo nero che punta il Brasile è Hugo Boss, dopo il disalberamento

Per fortuna i due stanno bene e stanno cercando di trovare un modo per raggiungere il porto più vicino, probabilmente Salvador de Bahia.

UN PROBLEMA CHE SI RIPETEboss-1Meno di un anno fa Thomson aveva vissuto la stessa disavventura. Durante il trasferimento verso New York, per la partenza della regata traslatlantica New York to Barcelona Race., disalberò: precisamente l’albero si ruppe nella parte alta, sopra l’ultimo ordine di crocette. Per fortuna anche in quella occasione nessuno dei presenti a bordo (Alex Thomson, Ryan Breymaier, Alex Pella e Guillermo Altadill) si fece  male e in qualche modo la barca riuscì a raggiungere Newport navigando per altre 800 miglia senza albero.

CHE BARCA E’ HUGO BOSS
Si tratta dell’Open 60 exVirbac Paprec 3, a bordo del quale Jean-Pierre Dick ha chiuso quarto il Vendée Globe 2012-13 nonostante la perdita della chiglia. Ma soprattutto è la barca che ha vinto la Transat Jacques Vabre nel 2011 (con Jérémie Beyou a far da spalla a Dick) e la Barcelona World Race 2010-11 (con  Loïck Peyron assieme a Dick), la regata intorno al mondo sulla Thomson aveva puntato moltissimo.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “La storia si ripete: Hugo Boss disalbera nell'Atlantico del Sud!”

  1. prima la chiglia, poi due volte l’albero…..a quando i timoni????
    o la barca richiede un apotropaico rituale o i progettisti devono tornare a scuola e reimparare a fare i calcoli……

  2. anche Taberly ruppe l’albero 2 volte nel primo giro del mondo (1973-1974), e mi aveva criticato perché io invece avevo raddoppiato la sezione delle sartie .. il mare non si può prendere sottogamba !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Luna Rossa a Barcellona con Tita al timone e i nuovi foil

Primi allenamenti sul campi di regata di Barcellona per Luna Rossa Prada Pirelli Team, che per la prima volta ha incrociato, a distanza, gli altri sfidanti, e in particolare American Magic. Come riportato nei report ufficiali delle spie si è

Registrati



Accedi