Luna Rossa: mai stati così vicini a vincere la Coppa America

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

LunaRossaAC45Venezia12cb_11971-e1420474969288Max Sirena, lo skipper di Luna Rossa, è sicuro: nella corsa per la  vittoria della prossima Coppa America che si correrà alle Bermuda a  giugno 2017, ci sarà anche l’Italia.

Lo ha dichiarato al quotidiano Repubblica precisando che ci sarà tanta tecnologia made in Italy  perchè: “Abbiamo tirato a bordo il meglio dell’Italia. Sono andato  personalmente a cercare ovunque le migliori tecnologie possibili. Ed è  incredibile il patrimonio di risorse e conoscenze che ha l’Italia”. A  Pula, due passi dalla base di Luna Rossa a Cagliari, hanno stretto un  accordo con Crs4, un centro di calcolo che praticamente non ha eguali  nel mondo, dove stanno simulando le migliori soluzioni per il nuovo  catamarano di 62 piedi (19 metri). E cita anche un’azienda pavese con  cui: “stiamo progettando orologi-computer di bordo. Dispositivi  pazzeschi che forse un giorno troveranno anche uno sbocco commerciale.  Quando sono entrato sembrava di stare alla Nasa”.

A proposito del team che teme di più, a Sirena fanno paura gli inglesi  e spiega perchè: “I più temuti, forse, sono gli inglesi. Un po’ per  via di Ben Ainslie  –  il cui ruolo nella rimonta di Oracle su New  Zealand è universalmente riconosciuto  –  un po’ perché dietro la  sfida britannica si è schierata da qualche tempo direttamente la  famiglia reale, dietro l’immagine di Pippa Middleton; e da quel giorno  hanno fatto razzia di sponsor, investimenti e persone. Sirena ne sa  qualcosa perché a un certo punto aveva provato a portare a Cagliari  Adrian Newey, il genio dell’aerodinamica della Formula Uno. Ma questi  prima di rinunciare alla vela e rinnovare il contratto con la Red Bull  aveva già ricevuto sufficienti pressioni in Inghilterra per declinare  la proposta made in Italy. Non è detto che sia un male, comunque.  Quando ti affidi a un designer così famoso hai molte opportunità ma  corri anche il rischio di prendere strade sbagliate”.

Riguardo alle polemiche sul team detentore della Coppa America, quelli  di Oracle, Sirena spende parole di distensione: “Dopo la rinuncia del  team Australia, che era stato scelto in un primo momento dal defender  americano come challenger of the record (il primo degli sfidanti,  quello con cui discutere delle regole che, in Coppa America, vengono  comunque alla fine decise sempre dal detentore), si è deciso di  modificare la struttura della competizione, e le regole adesso vengono  decise (più o meno) tutti insieme, come se si trattasse di una sorta  di lega. In questo modo è tutto più armonioso e funzionale. “E’ stata  un’ottima cosa. Russel Coutts  (l’uomo che gestisce Oracle insieme a  Ellison) è un uomo intelligente. Si è accorto che continuando per  quella strada non sarebbero andati distante. E ha cambiato tutto.  Certo, funziona adesso perché siamo lontani dalla competizione,  bisogna vedere come arriveremo quando saremo alla vigilia. Ma se il  grosso lo decidiamo ora, allora sono certo che andrà tutto bene”. L’intervista si conclude con una certezza: “”Raramente una sfida  italiana si è avvicinata a una Coppa America con queste premesse.  Vogliamo vincere, possiamo farlo, e faremo di tutto per riuscirci”.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Luna Rossa: mai stati così vicini a vincere la Coppa America”

  1. Thank you sharing most of these wonderful threads. In addition, the perfect travel plus medical insurance approach can often reduce those issues that come with travelling abroad. A new medical emergency can in the near future become extremely expensive and that’s bound to quickly impose a financial weight on the family’s finances. Setting up in place the perfect travel insurance package deal prior to leaving is definitely worth the time and effort. Cheers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su