developed and seo specialist Franco Danese

Non mancate al Fogar Day: ci vediamo al VELAFestival il 10 maggio!

I pannelli solari giusti per la tua barca? Li trovi al VELAFestival
2 gennaio 2015
La Cina sbarca al VELAFestival, arriva il Fareast 26
2 gennaio 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

ambrogio001Quarant’anni fa il piccolo borgo marinaro toscano di Castiglione della Pescaia sembrava lo stadio Olimpico per il derby romano. Decine di migliaia di persone si radunarono lungo le banchine e l’imboccatura del porto per acclamare come un eroe Ambrogio Fogar e il suo piccolo Surprise di undici metri. Fogar tornava nel porto da cui era partito 400 giorni prima. Quella straripante folla era lì per il tributo all’allora 31enne che per la prima volta aveva girato il mondo controvento, da est a ovest, in solitario con una barca a vela. Sbagliando, il mondo della vela e dei media si è dimenticato di ricordare che Fogar è il “papà” di tutti i navigatori italiani, il primo personaggio che ha fatto conoscere la vela agli italiani, prima di Azzurra, Moro di Venezia e Luna Rossa.

p0014Il primo che ha dimostrato, in Italia, che anche un uomo normale, senza grande esperienza velica, può realizzare un’impresa. Ex assicuratore a Milano, Fogar con una passione infinita per l’avventura, era partito dal porto di Castiglione della Pescaia la mattina del 1º novembre del 1973, a bordo del suo “Surprise”, un 11 metri in legno che poi diventò famoso come lui. Non esistevano telefonini o Gps satellitari, e per rimanere in contatto via radio ci si doveva attrezzare con le rice-trasmittenti e stare in attesa dei ponti radio degli amici sparsi per il mondo per avere qualche notizia. Anche il Giornale della Vela vuole festeggiare con Francesca, la figlia di Ambrogio, questa che è molto di più di una ricorrenza per la vela italiana, passata sotto silenzio. In quel lontano dicembre 1974 quando Fogar lanciò la cima in banchina per far riposare il suo piccolo Surprise che lo aveva portato a casa sano e salvo, nasceva nell’immaginario popolare la figura moderna del navigatore e dell’impresa velica. Era la prima volta nella storia della nostra nazione che la vela usciva dai confini stretti ed elitari di uno yacht club e della congrega degli appassionati e diventava una narrazione popolare.

NON MANCATE AL FOGAR DAY
Per festeggiare i quarant’anni dalla grande impresa del giro del mondo controvento di Ambrogio Fogar, vi diamo appuntamento a Santa Margherita Ligure al TAG Heuer VELAFestival (7-10 maggio). Al grande esploratore italiano abbiamo deciso di dedicare la giornata di domenica 10 maggio, nel corso della quale ripercorreremo con foto, video e testimonianze la sua storia sul palco dell’Area Eventi, insieme alla figlia Francesca e a tanti amici che lo hanno conosciuto. Vi aspettiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi