Il colosso Beneteau per la terza volta al VELAFestival

Schermata 2015-02-11 a 15.56.18
Non poteva mancare il colosso francese Beneteau al TAG Heuer VELAFestival (dal 7 al 10 maggio a Santa Margherita Ligure), presente per il terzo anno consecutivo, dopo i successi delle prime due edizioni. Un anno importante, per il cantiere transalpino, caratterizzato dal lancio di una nuova ammiraglia (l’Oceanis 60), ma anche dell’Oceanis 35, un natante che si trasforma a seconda delle esigenze dell’armatore.

DIETRO LE QUINTE DELL’OCEANIS 35
Schermata 2015-02-11 a 15.57.24Il Beneteau Oceanis 35 ha una lunghezza fuori tutto di 9,99 metri (almeno nella sua versione Daysailer, la Weekender e la Cruiser raggiungono invece i 10,45 metri), per un baglio massimo di 3,70 metri. Il progetto dell’Oceanis 35 vede la mano dello studio Finot-Conq per quanto riguarda l’architettura navale, mentre è ancora una volta Nauta Design ad aver concepito il layout degli interni. Il profilo della barca riprende il family feeling con il suo fratello maggiore, caratterizzato dalla presenza del rollbar che accoglie la scotta randa, così da liberare interamente il pozzetto dalle manovre.
Alle due ruote, ormai sempre più diffuse anche sui natanti (la sfida con il timone a barra sembra ormai vinta), sono rimandati i winch della vela di prua. Lo studio ergonomico appare corretto e il timoniere riesce a gestirli comodamente. Il baglio massimo che si riduce solo leggermente verso poppa ha consentito di ottenere un pozzetto extralarge. Anche qui c’è la possibilità di personalizzare la barca: un’opzione interessante è data dallo speccgio di poppa abbattibile, che si trasforma in una grande plancetta. L’attenzione alle comodità in rada è evidenziata poi dalla disponibilità di una una serie di “giochi” gonfiabili, come la piscina installabile a poppa.
Per quanto riguarda il piano velico, il cantiere ha optato per una randa da 27,5 metrI quadri, accoppiata con un genoa al 103% di sovrapposizione di 26,75 mq. Per le andature portanti ecco l’ormai immancabile gennaker, di facile gestione, per una superficie di oltre 83 metri quadri.

I TRE LAYOUT INTERNI
Schermata 2015-02-11 a 15.58.13Il vero cuore di questa barca sono comunque gli spazi interni e la loro versatilità. Il tutto parte dal concetto di open space, assolutamente minimalista e lineare, che caratterizza la versione Daysailer, con una cabina a prua e un bagno). Volendo salire di livello (soprattutto volendo trascorrere più tempo in barca, si passa alla versione Weekender, già pensata anche per la crociera. Due i layout qui disponibili, uno con due cabine (quella di prua non ha però una separazione dal quadrato e quella di poppa è posta trasversalmente) e un bagno, oppure con tre cabine. Infine, ecco la versione Cruiser, dove le due o tre cabine disponibili garantiscono una maggiore privacy grazie alla presenza delle classiche paratie. www.beneteau.it


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su