developed and seo specialist Franco Danese

40 anni fa l'impresa di Fogar, il papà dei navigatori solitari italiani

La storia e il mito al VELAFestival: arriva il Moro di Venezia I
2 gennaio 2015
BEST OF 2014 – Speciale Refit – Non cambi la barca? Allora falla nuova! #1
3 gennaio 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

fogar_10FOGAR 5Sono passati solo quarant’anni da quando il primo italiano, Ambrogio Fogar, compì il giro del mondo in solitario al contrario “contro vento” con una barca a vela di undici metri, da est a ovest, ma sembra un’eternità. E, sbagliando, il mondo della vela ha dimenticato di ricordare che Fogar è il “papà” di tutti i navigatori italiani, il primo personaggio che ha fatto conoscere la vela agli italiani, prima di Azzurra, Moro di Venezia e Luna Rossa. 
Il primo che ha dimostrato che anche un uomo normale, senza grande esperienza velica, può realizzare un’impresa. Ex assicuratore a Milano, Fogar con una passione infinita per l’avventura, era partito dal porto di Castiglione della Pescaia la mattina del 1º novembre del 1973, a bordo del suo “Surprise”, un 11 metri in legno che poi diventò famoso come lui. Non esistevano telefonini o i Gps satellitari, e per rimanere in contatto via radio ci si doveva attrezzare con le rice-trasmittenti e stare in attesa dei ponti radio degli amici sparsi per il mondo per avere qualche notizia. Tornò 400 giorni dopo, il 7 dicembre 1974 a Castiglione della Pescaia acclamato come un eroe. Ad aspettarlo migliaia di persone.
Sino al 9 gennaio a Castiglione della Pescaia è aperta una mostra a lui dedicata (Per informazioni tel. 0564 933678).
CHI E’ AMBROGIO FOGAR
FOGAR 3Vulcanico avventuriero, Fogar nasce a Milano nel 1941. Appassionato di volo, durante un lancio con il paracadute subisce un grave incidente, salvandosi per un pelo. Passa alla vela e alla navigazione: nel ’72 attraversa l’Atlantico del nord in solitario, per buona parte senza l’uso del timone. Tra il novembre del ’73 e il dicembre del ’74, con lo sloop di 11 metri Surprise compie  la circumnavigazione del globo da est verso ovest (contro i venti portanti), entrando, primo tra gli italiani, nel gotha dei grandi navigatori solitari come Slocum e Chichester.
Nel 1975 dà alle stampe per Rizzoli il libro “400 giorni intorno al mondo”, dove narra la sua avventura. Il Giornale della Vela, svela l’inganno: il libro presenta un capitolo quasi interamente copiato dal volume datato 1963 “Trekka intorno al mondo” del canadese John Guzzwell. Le pagine della nostra rivista sono teatro di un acceso dibattito: Fogar ammette di aver copiato, ma si preoccupa soprattutto di rivendicare l’autenticità della sua impresa. Nel 1977 Fogar parte con il Surprise per un viaggio da Buenos Aires a Capo Horn assieme all’amico giornalista Mauro Mancini. Il 19 gennaio del ’78 l’imbarcazione affonda, attaccata dalle orche, e i due si mettono in salvo sulla zattera autogonfiabile, senza acqua né cibo. Il 2 aprile i naufraghi sono raccolti da un cargo greco, ma Mancini non ce la fa. Si punta il dito contro Fogar, colpevole di aver “costretto” il giornalista a partecipare all’impresa. Una lettera apparsa sul Corriere della Sera nel 2010, scritta da Mancini prima della morte, dipinge Ambrogio come un uomo coraggioso, equilibrato e buono, liberandolo dai sospetti di essere un egocentrico eterno cacciatore di notorietà. Fogar muore nel 2005.
GUARDA IL VIDEO DELLA SUA IMPRESA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi