developed and seo specialist Franco Danese

BEST OF 2014 Meglio la barra o le ruote su una barca di 10 metri?

BEST OF 2014 – Che spettacolo il contest Instagram, grazie a tutti voi!
26 dicembre 2014
BEST OF 2014 Il marinaio che ha ispirato Moitessier
28 dicembre 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

I puristi vogliono la timoneria tradizionale, ma si ingrossano le fila di chi anche su un natante apprezza la doppia ruota. Un dibattito destinato a rimanere molto acceso anche nei prossimi mesi, perché sono ormai molti i cantieri che puntano sulla doppia ruota o sulla ruota singola centrale. Vi presentiamo dieci modelli che ben illustrano la situazione del mercato. Voi che cosa preferite?

Bavaria Cruiser 33
CR33_aussen-0251_05

Timone singolo a ruota per il piccolo di casa Bavaria. Per facilitare il passaggio dal pozzetto allo specchio di poppa abbattibile, il cantiere ha allargato il passaggio ai lati della ruota rispetto al suo predecessore Bavaria 32. Il timoniere si può comunque sedere di fianco alla ruota in navigazione, così da avere la visuale ottimale. Sottocoperta abbiamo un classico layout a due cabine (una a prua e una a poppa), dinette con ampio bagno e zona carteggio, angolo cottura a dritta e due divani, uno lineare e uno a L, con tavolo centrale apribile ai lati. Molto buona la luminosità e l’aerazione. Dati: lung. 9,99 m; larg. 3,42 m; sup.vel. 51 mq.

Sun Odyssey 349
SO3MA_Environnement -330.TIF-b-800

Il nuovo piccolo non si distingue solo per la doppia ruota; sarà disponibile con un doppio layout interno, a due o tre cabine. A separare quella di prua dal quadrato dovrebbe essere, stando alle prime indiscrezioni, una porta con doppio battente, una soluzione che aumenta la sensazione di spazio quando si scende sottocoperta. Dati: lung. 10,34 m; larg. 3,44 m; sup.vel. 55,3 mq.

Elan Performance 320
Elan 320

Sembra un piccolo “open oceanico” questo recente progetto firmato Rob Humphreys, caratterizzato dal profondo spigolo e dalla poppa aperta e con baglio pronunciato. Ma non fatevi ingannare, si tratta comunque di una barca adatta anche a chi vuole divertirsi in crociera, senza troppi pensieri. Il timoniere ha a portata tutte le regolazione della randa, mentre il resto delle manovre sono rimandate ai due winch ai lati del tambuccio. Per godersi appieno il gennaker alle andature portanti, ecco la presenza di un bompresso estraibile, anch’esso dal pozzetto. Dati: lung. 9,55 m; larg. 3,22 m; sup.vel. 53,62 mq.

Dufour 310 GL
Dufour 310

Umberto Felci ha concepito ancora una volta una barca facile da gestire anche in equipaggio ridotto: va visto in quest’ottica la presenza del fiocco autovirante. La doppia ruota del timone assicura un comodo passaggio tra pozzetto e specchio di poppa abbattibile: una soluzione già adottata sul 335 Grand Large. La presenza di diverse finestrature sulla tuga assicura una notevole luminosità naturale degli interni, dove possono tranquillamente godersi la crociera quattro persone. Il piano velico appare equilibrato, con una randa di 33,5 metri quadri e un fiocco di 16,8. Dati: lung. 9,67 m; larg. 3,20 m; sup.vel. 50,3 mq.

X-Yachts Xp-33
xp-33
La barca che ha segnato il ritorno di X-Yachts nel segmento dei monotipi abitabili punta su alte prestazioni. Il timoniere si gode la presenza di un timone a barra, capace di regalare sensazioni quasi da deriva. La versione standard prevede un bulbo a T con un pescaggio di 1,9 metri, con la possibilità di arrivare a una chiglia di 2,1 metri. Dati: lung. 9,99 m; larg. 3,21 m; sup.vel. 63 mq.

Delphia 31
Delphia 31 Test

La ruota del timone centrale e la tuga pronunciata assicurano al timoniere un ottimo riparo anche in caso di mare formato. Tutto è compatto e a portata di mano in pozzetto, dalla scotta randa a quella del genoa rimandata ai due winch laterali (se ne può occupare anche da solo chi sta al timone). Gli interni, funzionali e ben studiati, possono arrivare a ospitare ben sette posti letto complessivi. Dati: lung. 9,85 m; larg. 3,40 m; pesc. 1,85 m.

Catalina 315
catalina315_0

Poco spazio per i fronzoli e tanta attenzione alla solidità per questo dieci metri con timone singolo a ruota. Per la costruzione si è optato per un monoblocco in laminato a mano in resina isoftalica con madieri e ordinate fazzolettate a scafo. Si tratta, ormai una tradizione per il cantiere americano, di un altro modello con garanzia di cinque anni sia per quanto riguarda l’osmosi sia per la struttura dello scafo. Il layout interno prevede due cabine doppie, di cui l’armatoriale posizionata a prua. Il quadrato sfrutta il baglio massimo di 3,35 metri e accoglie una dinette con divano a C a sinistra e un ulteriore divano lineare a dritta. Dati: lung. 9,49 m; larg. 3,35 m; sup.vel. 54,72 mq.

Dehler 32
500-0610_dehler32rs_014_copy1277709943
Linea moderna, caratterizzata dalla tuga stondata, che ripara correttamente il pozzetto. È una delle barche del cantiere tedesco che negli ultimi anni ha riscosso il maggiore successo, soprattutto per l’equilibrio che è stato trovato tra prestazioni e comfort a bordo. Internamente troviamo una disposizione classica delle cabine, una a prua e l’altra a poppa, sulla sinistra. Appena entrati sottocoperta a dritta ecco la zona carteggio, di fronte alla quale è stata ricavata la cucina a L. Il corpo centrale è occupato dalla dinette, che conta due divani a murata e il tavolo centrale con due ali abbattibili, che consentono un comodo passaggio verso la cabina di prua. Sono previsti legni in mogano come standard. Dati: lung. 9,80 m; larg. 3,25 m; sup.vel. 60 mq.

Salona 33
IMG_5592
Ha fatto il suo esordio all’ultimo Festival de la Plaisance di Cannes questo progetto firmato J&J, un cruiser racer dalla linea sportiva. Notevole il tasso di trasformabilità, con ben quattr pescaggi previsti da 1,50 metri a un massimo di 2,15. L’armatore ha anche la possibilità di scegliere tra timoneria a doppia ruota o a barra. Il layout di coperta appare molto pulito, con una parte delle manovre incassate nella tuga e rimandate in pozzetto. Sottocoperta sono state ricavate due cabine doppie e un bagno, una disposizione tradizionale sulle barche di questa misura, che ha consentito di ricavare a poppa anche uno spazio di stivaggio tecnico. Due divani lineari servono poi il tavolo abbattibile. Dati: lung. 9,99 m; larg. 3,35 m; sup. vel. 67 mq.

Beneteau First 30
First30-2010_1174

A progettare questo bolide ispirato all’oceano è stato quel geniaccio di Juan Kouyoumdjian, l’uomo dalla cui matita sono uscite le barche che hanno vinto gli ultimi giri del mondo. Proprio alcune di quelle caratteristiche sono state riportate su questo dieci metri: dallo spigolo decisamente pronunciato alla doppia pala del timone, che assicura un perfetto controllo anche a barca sbandata. Il piano velico è molto arretrato, compensato dall’avanzamento del bulbo, che permette di avere un genoa potente che vira con facilità passando davanti all’albero. Dati: lung. 9,81 m; larg. 3,20 m; sup.vel. 61,7 mq.

61 Comments

  1. Mauro ha detto:

    Datemi pure del purista, ma io preferisco la classica barra. Ritengo che con questa si abbia molta più sensibilità nel timonare

    • Gabri ha detto:

      Assolutamente d’accordo con Mauro
      La barra da maggiore sensibilità alla barca e non ingombra e poi senti il mare scorrere sotto la chiglia

  2. gino buizza ha detto:

    barra

  3. giovanni galla ha detto:

    Barra : sensibilità maggiore e meno peso e meno cose che si possono rompere!

  4. Maurizio ha detto:

    Non esiste, la barra. Ho avuto un Cookson 12 con timoneria a barra; sembrava di timonare una deriva. Niente frenelli né altre complesse trasmissioni: quello che non c’è non si rompe e non pesa !

  5. Franco Sisti ha detto:

    Senz’altro la barra;ideale per quella misura.Risposta immediata,maggior divertimento a timonare,migliore e più immediata risposta in retromarcia.E poi maggiore spazio in pozzetto!

    • Alberto ha detto:

      Caro Franco, sarebbe perfetta per le uscite domenicali o regatine di club. Prova a fare navigazione d’altura di durata più giorni!
      Per queste ,nell’Atlantico del nord,se avessi avuto la barra sarebbe stato meglio spararsi nei ” paesi bassi “. ciao

      • Alberto C ha detto:

        se per questo i mini girano il mondo con la barra. io ho usato la navigazione a barra senza autopilota per lunghe navigazioni in doppio: un pelo seccante, ma sicuramente molto piu’ sensubile a velocita’ elevate. ho provato a navigare a ruota con 20 nodi di velocita’ della barca. ingestibile nonostante i frenelli perfetti e il timone leggerissimo in carbonio(su un 41 piedi), per contro ho timonato un 38 piedi con barra e a velocita’ simili (18), quest’ultima sembrava un giocattolino

  6. Paolo Wullschleger ha detto:

    Molte mode nella nautica non hanno senso. In una barca che ha come obiettivo una vera navigazione é indispensabile trovare soluzioni solide e semplici. Il timone a barra dovrebbe essere adottato fintanto che le dimensioni e le forze in gioco lo permettono.
    Per le roulottes del mare le scelte possono essere diverse…

  7. Mauro ha detto:

    Sono un marinaio della domenica, ma nel mio piccolo posso dire che la ruota è comoda, ma la barra mi fa “sentire” il mare e l’andatura.
    L’estate scorsa sono salito su un 14 metri con la barra, per stringere la bolina dovevamo tenere la barra in due…. ma che divertimento!!!
    Sicuramente molto più divertente la barra!!

  8. giulio ha detto:

    tre quesiti :
    1)differenza di peso tra barra e biruota
    2)differenza di prezzo
    3)l’autopilota funziona ugualmente bene e con lo stesso consumo?

    • Mirco ha detto:

      Ciao Giulio, io la vedo così:
      1) a parità di materiali impiegati, ovvio il sensibile maggior peso delle ruote, che hanno colonnina di sostegno, lande di fissaggio, rimandi, boccole e frenelli etc. La barra, oltre allo stick e alla losca, è finita lì.
      2) sempre a parità di materiali utilizzati, evidente il vantaggio della barra che richiedendo meno materiale e lavorazione di messa in opera, risulta più conveniente.
      3) l’autopilota, se ben dimensionato, funziona bene su entrambe le soluzioni ma con due grossi vantaggi per la barra: essendo la barra direttamente collegata al timone senza rimandi, ogni minimo impulso dell’auto fa sì che la barca corregga. Ergo, meno impulsi, meno movimenti, meno consumi.
      Ti sarà capitato a bordo con la ruota di sentire che l’auto inizia a lavorare e non smette mai, specie con mare formato da dietro. Vero che va visto come viene tarato e regolato, ma con la barra questo problema si riduce tanto.
      Buon Vento!

  9. Enrico ha detto:

    Barra uguale regata, ruota uguale crociera.

  10. andrea spagna ha detto:

    la barra è senz’altro più divertente e reattiva…ma più faticosa con vento sostenuto…e siccome in crocera ci vado con la fidanzata ho dovuto guardare più avanti del mio naso…ed optare per una ruota…

  11. Mauro Righetti ha detto:

    Avendo avuto la possibilità di provare sia barche pesanti che leggere, in ogni condizione di mare, sicuramente la mia scelta cade sulla barra. Molto più comoda in navigazione, ti puoi permettere di stare seduto anche con mare formato e a forti angoli di sbandamento, il tutto puoi con minimi movimenti di correzione rispetto alla ruota. Massima sensibilità e semplicità di costruzione . Inoltre, in rada o in porto, alzando la barra ci si trova un pozzetto completamente sgombro. Certamente in marcia indietro la barra tende a “puntare” non essendo demoltiplicata, ma ricordo che le barche sarebbere fatte per andare in avanti… e il tavolino, in navigazione non serve a nulla, un mojito si può anche tenere in mano…

    • Stefano ha detto:

      Mauro sono daccordo con te sugli aspetti nautici, ma per il resto tu ti stai confondendo, quella volta del mojito eri al “Bar Ra” (intitolato forse alla città dei mosaici, o forse perché gestito da un egiziano adoratore del sole) e comunque il tavolino ti serviva per appoggiare i gomiti, perché di bicchieri in mano te ne erano passati più di uno.

  12. Mirco ha detto:

    La barra, sempre, per una serie di validi motivi già detti più o meno da tutti. Per le dimensioni? Non esiste un limite effettivo. ad Auckland in Nuova Zelanda (patria della vela) ci sono barche da 18-20 metri a barra. E in ogni caso, di ruote là ne vedi davvero poche, pochissime. Ci sarà un motivo, no? Buon Vento a tutti.

  13. Gabriele L. ha detto:

    Una ruota tutta la vita!!! Permette di timonare anche in piedi rispetto alla barra che però dona maggiore agilità. I due timoni hanno un ottimo impatto estetico e lasciano molto spazio in pozzetto, ma quelli che ho potuto vedere di persona avevano tutti diametro troppo piccolo.

  14. gianfranco ha detto:

    barra, senza ombra di dubbio. Maggior sensibilità anche se con mare formato e vento forte è un po’ più faticoso. La fatica dipende però dal progetto della barca e dalla tela che si tiene a riva.

  15. Ugo Aponte ha detto:

    ….ma non ho il minimo dubbio. La ruota ti separa dalla barca mentre la barra ti fa vivere in simbiosi con la barca e ti fa avvertire il mare.

  16. Davide Seregni ha detto:

    Se c’è spazio preferisco la ruota, singola però, la doppia ruota trovò che sia dispersiva e poco pratica, é vero che la demoltiplicazione può ridurre sensibilità e precisione ma già su una navigazione media la maggiore rilassatezza e il minor carico fisico compensano

  17. Andrea ha detto:

    BARRA e non ditemi che la ruota sia più comoda……………
    Non c’è questione, la ruota serve solo per guidare i camion.

  18. Frank ha detto:

    Senza alcun dubbio: meglio la barra. Per mille ragioni

  19. Gianluca ha detto:

    senza alcun dubbio LA BARRA con meno complicazioni è più marina, inoltre è possibile facilmente raggiungere i winch senza lasciare il timone, sollevandolo si libera tutto il pozzetto, infine l’autopilota è molto meno costoso

  20. Stefano ha detto:

    pur condividendo la maggior parte dei commenti pro-barra non si possono negare i vantaggi della doppia ruota su una barca di 10 metri da crocera pura:
    – maggior spazio in pozzetto e passaggio più agevole prua-poppa
    – netta divisione tra zona di manovra e relax (vedi Dufour)
    – possibilità di timonare anche seduti sopravento oltre che in piedi
    – maggiore visibilità a prua anche con sprayhood armato
    inoltre vorrei capire per quale motivo il grande pubblico parla tanto bene della barra e poi, soprattutto nell’usato, la barca con la barra, a parità di modello, ha un valore commerciale nettamente inferiore.
    I casi sono 2, o tutti quelli che hanno commentato sono velisti puri e duri, o si parla bene e si razzola male….

  21. Alessandro ha detto:

    Andrò controcorrente, ma io preferisco la ruota. E’ vero che la sensibilità è leggermente minore, ma quando anche solo devi fare un trasferimento di un po’ di ore e magari con vento, è molto più riposante!

  22. Carlo ha detto:

    Barra barra barra barra!!!!

  23. marco ha detto:

    Mi sembra una diatriba stupida. Tutti così arrabbiati… ma se uno vuole stare comodo e avere una ruota, che male c’è? Non è un velista comunque? Magari pure più appasionato di chi ha la barra e al massimo esce a fare il bagnetto fuori dal porto….

  24. Chiara ha detto:

    Barra fino a dieci metri, dopo ruota singola… più grande è meglio è!!!

  25. federico ha detto:

    Due ruote piccole. Una sola grande è molto più scomoda di qualunque barra!!!

  26. federico ha detto:

    Dimenticavo. Indipentemente dalla misura della barca

  27. Ivan Bolla ha detto:

    Barra fino alla morte!

  28. giovanni masini ha detto:

    Io mi sono comprato quest’anno un Bavaria 33 a ruota, perfetto per il mio budget. Ho sempre avuto barche con la barra prima. E’ vero che ho meno sensibilità, ma per quello che devo fare io va più che bene!!! E non mi sento un camperista!!!

  29. alberto ha detto:

    Quanto tempo che avete da perdere… tanto se i cantieri decidono che gli conviene fare le barche con la ruota, quelle dovrete comprare…

  30. Sandro ha detto:

    Barra fino a 10 m poi due ruote

  31. paolo ciriani ha detto:

    barra con due timoni esterni, divaricati il giusto se il baglio di poppa supera i tre metri

  32. gianni mila ha detto:

    barra divertimento assicurato…e navigazione facile con equipaggio ridotto (strambata….). per il resto state sereni e godetevi quello che vi siete scelti

  33. massimo ha detto:

    Ma secondo voi mi chiedo, ci sarà pure un motivo se un imoka 60 ha i timoni a barra, vale a dire macchina da guerra concepita per il giro del mondo in solitario senza stupidi fronzoli. e parlo di un 60 piedi.

    • Alberto ha detto:

      Ok ! ma non mi sembra, a memoria, che Soldini se ne vada a spasso con la barra !!

      • natalini giovanni ha detto:

        caro amico soldini ha barche che costano una tombola all’avanguardia con il meglio del meglio segue la moda dei cantieri soldini quando naviga non usa ne la barra che il timone usa il computer

  34. sciacca ha detto:

    le sensazioni che ti trasmette la barra ti fanno sentire in simbiosi con la barca , la ruota è meno faticosa ed indispensabile per le barche più grandi, la doppia ruota è solo una costosa moda

  35. sciacca ha detto:

    la barra ti fa sentire in simbiosi con la barca, la ruota è meno faticosa ed necessaria per le barche più grandi , la doppia ruota è solo una moda costosa

  36. bocci fiorindo ha detto:

    prova tre

  37. bocci fiorindo ha detto:

    …questi della barra sono tutti dei regatanti??..la barra è molto utile per imparare la vela. Dopo i dieci metri se ti serve la barra vuol dire che non sei “ancora” sufficente. La barca la si può sentire: con i piedi, con il sedere quando sei seduto e quantaltro…senza necesarriamente essere al timone, fate delle ore di navigazione ragazzi e poi meditate!..ciao..ciao..fiore.

  38. gufo ha detto:

    io sono per la barra,ma ciò che proprio non sopporto è la doppia ruota: soluzione semplicemente ridicola.

    • gufo ha detto:

      strano però che un navigatore come tabarly ( lei ha forse navigato di più ? )aveva anche la barra sul penduick VI° ( 80′ di barca ), e che ne dice del nuovissimo pogo 50 ? anche i bretoni sono dei principianti inesparti ?

  39. nostalgico della deriva ha detto:

    Non sono originale votando barra; il mio personale motivo è che con barra e stick anche il peso del timoniere può essere sfruttato.

  40. orlando albisetti ha detto:

    quanti commenti! Io avevo un granada 31 con barra e ora, da 5 anni un Bavaria 31 con una ruota. mai, ma mai piu la cambierei per una barra, uso la mia barca per crociere comode ma anche per diverse regate.

  41. mauro ha detto:

    3 ruote, 2 piccole ai lati e una grande in mezzo.

  42. natalini giovanni ha detto:

    Penso che la barra possa risolvere tutti i problemi fino a 12 m i vantaggi sono
    Pilota elettrico molto più economico e diretto
    pilota a vento per lunghe navigazioni idem
    manovre più dirette e immediate
    minore peso e tutto più robusto
    pozzetto libero nelle soste in baia o in porto
    ho una imbarcazione con timone idraulico perfetto per i lunghi bordi ma sotto pilota con vento in poppa è inaffidabile consuma come una bestia
    per un pilota a vento necessita di un pacific plus o ydrovane che costano una tombola la prossima barca sarà del nord europa con barra sicuro

  43. franco ha detto:

    Purtroppo nessuno (o quasi) ha provato l’Etap Vertical Steering System “EVS” del defunto cantiere Etap -Belgio- .
    E’ una favola!
    Cordiali saluti.
    Franco Frasson

  44. […] trasformano il modo di concepire le barche a vela, dalla scelta tanto dibattuta a proposito della timoneria a barra o a ruota all’evoluzione dell’easy sailing. Non abbiamo però studiato come sta cambiando il […]

  45. LUIGI PANSECCHI ha detto:

    AL DI LA DEL FATTO COMMERCIALE, CHE GUIDA I CANTIERI NELLA PROGETTAZIONE DEI PRODOTTI, NON HO DUBBI CHE PER LA BARCA SINO A 10 M LA BARRA SIA LA SCELTA PIU’ MARINA. SI HA ANCHE MAGGIOR SPAZIO E COMODITA’ IN POZZETTO QUANDO SI E’ IN CROCIERA.

  46. […] Layout di coperta. La grande “querelle” stilistica dell’ultimo anno, come testimoniano le decine di commenti che ci avete scritto, è quella causata dalla comparsa sempre più frequente della doppia timoneria anche su barche di […]

  47. corry via ha detto:

    Io ho un hanse 315 con timone a barra e` un piacere timonare e sentire la barca rispondere al minimo tocco della barra,cosa impossibile da avvertire con una timoneria a ruota,in poche parole con la barra e` tutto piu` “barca”

  48. MC ha detto:

    Bello vedere quanto sia acceso il dibattito. Per me, dipende da quello che si vuol fare. Piccoli tragitti con meteo gradevole? Barra! Lunghe traversate anche con meteo impegnativo ed equipaggio ridotto? Ruota (singola e bella grande)!

  49. lodovico ha detto:

    barra se la barca nasce per essere “nervosa” ,ruota se invece e’ piu’ riposante: ma puntare i piedi nel pozzetto sottovento e dirarla fino alla pancia te le fa fare solo la BARRA!!!!

  50. Luca Frascari ha detto:

    Barra TUTTA LA VITA. Non c’è discussione. La ruota sulle roulottes.

  51. 素晴らしいブログ!作家志望のためのヒント何かありますか?私自身の起動に|私は望んで計画してよすぐにウェブサイトが、私はすべてで失わ少しだ。有償オプションのためのWordpressやジョギングのような無料のプラットフォームで始まるあなたはアドバイスはか? 私は完全だという、そこに圧倒そう多くはありませ..でもヒント? 賞賛は!

  52. こんにちは!私の中の誰かので、私はそれを上に見て見てそれを与えるに来て私たちと一緒に| |ウェブサイト マイスペースFacebookのグループがこれを共有した。情報は|私は間違いなく愛し楽しんよ。私は今ブックマーキングを、私のフォロワーにこれをツイートされます! 卓越したブログと素晴らしい スタイルとデザイン。

  53. Chauncey ha detto:

    I enjoy the efforts you have put in this, thank you
    for all the great content.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi