developed and seo specialist Franco Danese

Quel maledetto sogno di far diventare la vela uno spettacolo

Italia Yachts 15.98: barche così… se ne costruiscono ancora per fortuna
2 dicembre 2014
VIDEO Cosa succede quando spingi il tuo 470 al limite?
3 dicembre 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Ufficiale. La prossima edizione della Coppa America si correrà nel 2017 alle Bermuda, arcipelago che è territorio britannico.

La bella vignetta che ci ha mandato in redazione Davide Besana

La bella vignetta che ci ha mandato in redazione Davide Besana

Lo ha annunciato l’organizzazione in una conferenza stampa a New York Gli sfidanti Team New Zealand, Artemis Racing, Ben Ainslie Racing, Luna Rossa Challenge e Team France proveranno a togliere la “brocca” al defender Oracle Team USA nel bacino del Great Sound, a sud-ovest del complesso di isole, a bordo dei nuovi AC62. In redazione si è subito accesa la discussione: chi a favore, chi contro. Riportiamo qui sotto i pareri contrastanti di due nostri redattori, invitandovi a farci sapere la vostra opinione!

IL “NOSTALGICO”
Diciamolo subito. Vi parla un nostalgico. Sono finiti i tempi della Coppa America, la “Auld Mug” (“la vecchia brocca”). Sono finiti dal 2010: anno di una delle più rocambolesche edizioni di questa manifestazione a causa delle infinite dispute legali, che hanno snaturato i principi di lealtà sportiva sanciti dal Deed of Gift: fu l’edizione di Valencia (Alinghi contro Oracle, catamarano contro trimarano), che aveva ricevuto pesanti critiche dagli ecologisti per l’ondata di speculazione edilizia che aveva portato con sé.

m291_hospitalityDopo l’edizione 2013 a San Francisco, veniamo a sapere che la Coppa del 2017 si disputerà alle Isole Bermuda. Una location molto lontana, come peraltro lo era stata Valencia, dai tradizionali “templi della vela” quali San Francisco, San Diego (candidata fino all’ultimo per ospitare la Coppa), Newport. A giudicare dai rendering, si tratterà di un’operazione architettonica mastodontica, un vero e proprio stadio della vela, che andrà ad aggiungersi a quel grande anfiteatro naturale a sud-ovest dell’arcipelago che risponde al nome di Great Sound (domanda: anche qui si prospetta il fantasma della speculazione e dell’ecomostro?). Perché, dicevamo, i tempi della vecchia Coppa sono finiti: il velista tradizionale non fa più audience, ora è solo showbusiness. E l’evento deve essere appetibile sia per chi lo segue comodamente seduto da casa, sia per chi sarà in loco. Io mi chiedo: in questo grande marasma di TV, superbarche, velisti-piloti con caschetto e tutine easy-fit, strutture a terra futuristiche, non si rischia di perdere lo spirito della cara, vecchia, Coppa America? Ghego Saggini

A ME INVECE LE BERMUDA PIACCIONO

La prossima Coppa si correrà sugli AC 62

La prossima Coppa si correrà sugli AC 62

Quando si è saputo in redazione che le Bermuda avrebbero ospitato la prossima Coppa America, nel 2017, ci siamo un po’ spaccati. C’è chi ha storto il naso, affezionato alla storia, e chi come il sottoscritto ha invece sorriso. D’altronde, perché legarsi al passato, quando ormai da un po’ è la Coppa stessa ad aver rotto i legami con la sua tradizione? Diciamocelo, una volta anche il velista della domenica poteva sognare di salire a bordo di Luna Rossa, del Moro, di Azzurra… almeno la forma dello scafo ricordava nei nostri desideri quello dell’Alpa sul quale andavamo in crociera!
Poi sono arrivati i multiscafi, i catamarani volanti, capaci di superare come niente fosse i 30 nodi di velocità, volando tre metri sopra il mare anche quando il vento, in realtà, quasi non c’era… E’ il sogno, vecchio come il giorno nel quale sono nate le regate tra sfidanti, di trasformare la Coppa in uno spettacolo simile alla Formula 1. E mai veramente decollato.
E se questa fosse la volta buona? Osservando i primi rendering delle strutture previste alle Bermuda, l’effetto Gran Premio colpisce subito. Io non lo so se, come dice qualcuno qui in redazione, è tutto un discorso di speculazioni edilizie. So però che città come Auckland e Valencia dalla presenza dell’America’s Cup hanno tratto giovamento e hanno visto rinascere i loro porti. D’altronde, lo spettacolo offerto dagli AC72 nell’ultima edizione che si è svolta a San Francisco, è stato innegabile, con virate e strambate a pochi metri da terra, per la gioia del pubblico sui moli.
Alessandro de Angelis

1 Comment

  1. domenico ha detto:

    E’ innegabile il fascino della coppa america ed è assolutamente utile a tutto il mondo della vela la ricerca nel campo finanziata da questi favolosi budget. Quello che non capisco e che non approvo è la scelta del luogo che secondo me potrebbe riportarne gravi danni e minimi benefici. Secondo me lo “spettacolo della coppa america” è la Coppa America e quindi le Bermuda avrebbero potuto risparmiarselo e gli appassionati avrebbero preferito l’Europa o meglio l’Italia.
    Buon vento a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi