developed and seo specialist Franco Danese

SPECIALE. Le 50 barche mitiche/6: le Senza Tempo

Normativa ORC, ci sono importanti novità per il 2015
28 novembre 2014
VOR, Team Vestas si schianta contro la barriera corallina
30 novembre 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

50_MITICHESfogliando il nostro archivio, ci è saltato all’occhio un grande servizio di due anni fa, realizzato grazie al vostro aiuto. Vi avevamo chiesto cosa fa di una barca un mito. La costruzione? La velocità? La robustezza? Il glamour? Certo, ma non basta. Noi avevamo selezionato 200 barche, divise in macrocategorie, con l’unico vincolo che siano state prodotte in serie (anche piccola) e reperibili anche sul mercato dell’usato. Poi, le avevamo affidate a un “panel” di 300 abbonati, scelti tra i più fedeli. I risultati? Sorprendenti, sia in termini di dimensioni sia di “celebrità” dei modelli che avevate scelto: d’altronde chi l’ha detto, per esempio, che una “Signora del mare” non possa essere lunga 6,50 metri? Ora che si avvicina la fine dell’anno, periodo di grandi classifiche, vi riproponiamo in sette puntate le 50 barche scelte proprio da voi, divise per caratteristiche. Dopo le Signore del mare, le Comodissime, le Velocissime, le Open Day, le Elegantissime, ora è il momento delle Senza Tempo. E vi chiediamo, voi, oggi, quali aggiungereste?

LE MITICHE SENZA TEMPO
In questa categoria abbiamo inserito barche che hanno fatto la storia della nautica degli ultimi 30 anni per la loro longevità: sono dei veri evergreen (due vengono addirittura prodotte ancora), e lo sono per diverse ragioni: sono sempre veloci e piacevoli da governare, regalano emozioni anche al velista più esigente, sono state disegnate dai progettisti più famosi ed hanno quel non so che che le rende eterne… per diffusione, per le linee senza tempo,  perché nonostante siano passati anni dal primo esemplare varato sono ancora oggi utilizzate in regata. Abitabili o no, almeno una volta abbiamo sperato di navigare a bordo di queste indimenticabili.

Schermata 2014-11-26 a 14.55.37Grand Soleil 39 (1983 – 1990 + 11,98 m + 84,40 mq + 8300 kg) E’ la barca Italiana senza tempo per definizione, con le sue linee classiche filanti e pulite. Il Grand Soleil 39 disegnato da Alain Jezequel può tranquillamente essere definito il capolavoro del Cantiere del Pardo, prodotto in 7 anni e 200 esemplari, ed è caratterizzato da un passaggio sull’onda docile e dalla semplicità con cui si porta a vela. La costruzione della barca in vetroresina è solida e senza fronzoli tecnologici, ma le rifiniture ed i lavori di falegnameria (anche alla luce della longevità della barca che è stata e resta una delle regine dell’usato) sono di qualità molto alta. La disposizione interna di questa barca è particolare, infatti è caratterizzata, cosa non comune per il genere di barca e per il periodo di costruzione, dalla cabina armatoriale messa a poppa con a fianco una cabina a cuccette sovrapposte; scorrendo verso prua, si trovano come di consueto carteggio e cucina ed una comoda dinette che termina in adiacenza della cabina di prua e del bagno. Le sue forme elegantissime si ispirano a quelle degli scafi della Nautor al punto che all’estero era ed è nota anche come “Spaghetti Swan”.

FIRST 40.7First 40.7 (1998-2008 + 11,99 m + 97,1 mq + 6900 kg) Disegnato da Bruce Farr, un grande classico che è stato prodotto in circa 600 esemplari: ancora oggi riscuote successi a ripetizione nel mondo delle regate.

ALPA 11.50Alpa 11.50 (1969-1979 + 11,50 m + 73 mq + 6000 kg) Linee classiche per un modello nato da un progetto del mitico studio Sparkman e Stephens. Grandi slanci, larghezza contenuta e una tuga pronunciata.

Schermata 2014-11-26 a 14.58.21
J24
(1977-oggi + 7,32 m + 32,6 mq + 1200 kg) Forse il monotipo più diffuso in tutto il mondo con i suoi oltre 7000 scafi prodotti dal 1977. Ancora oggi è molto popolare anche in Italia, con un bel circuito di regate.

STARStar (1910-oggi + 6,922 m + 26,5 mq + 671 kg) Tra le derive è la più tecnica ed ha appena compiuto 100 anni. Uscita oggi dal programma olimpico, rimane comunque una delle classi più seguite del mondo.

 

SCOPRITE LE BARCHE MITICHE SIGNORE DEL MARE
SCOPRITE LE BARCHE MITICHE COMODISSIME
SCOPRITE LE BARCHE MITICHE VELOCISSIME
SCOPRITE LE BARCHE MITICHE OPEN DAY
SCOPRITE LE BARCHE MITICHE ELEGANTISSIME

3 Comments

  1. Jacopo ha detto:

    Aggiungerei sicuramente il Dinghy 12 rigorosamente in legno (è una deriva, ma ho visto anche moth e 49er tra le 50…).

  2. Nicola Romani ha detto:

    Grave errore, l’Alpa 11.50 è un progetto Cattadori e non di S&S.

  3. Fabrizio ha detto:

    Vero, l’Alpa 11,50 é una riduzione pantografata del 12,70, questa si di S&S, e quindi non può essere considerata una loro creazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi