Il Principino Pierre Casiraghi sale sul trono dei Melges 32

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Robertissima_Melges32_Miami_2014Nobiltà di sangue blu, come il mare sul quale si affaccia il Principato di Monaco e che la famiglia Casiraghi-Grimaldi, da sempre, ama tanto. La tradizione sportiva  di famiglia continua nel terzogenito di Carolina di Monaco e Stefano Casiraghi: il principino Pierre, uno dei rampolli più ambiti del mondo, ha una grande passione: la barca a vela. E al timone del Melges 32 Robertissima ha appena vinto la Golden Cup di Miami. Una famiglia con lo sport nel sangue: il padre Stefano (morto tragicamente in un incidente durante una gara) era campione del mondo di motonautica Off-Shore, lo zio Alberto di Monaco ha disputato cinque olimpiadi invernali col bob, la madre Carolina è bravissima a cavallo e nello sci. La sorella Charlotte è eccelsa nell’equitazione e nel pattinaggio su ghiaccio. Pierre invece ha scelto la vela, sempre in equipaggio con i migliori velisti italiani. L’ultima impresa è la recente vittoria alla Golden Cup di Miami dove, a causa dell’infortunio a una mano dell’armatore Roberto Tomasini Grinover, ha portato il pluridecorato equipaggio di Robertissima alla vittoria, seguendo i consigli tattici di Vasco Vascotto.

200057400-repubblica_1_dscn2047jpg-7f1861aa-27b7-407b-8b1c-c17cb7186c9f

Ma la passione del principino per la vela non si esaurisce qui: Pierre Casiraghi è anche un assiduo frequentatore del VOR 70 di Giovanni Soldini con il quale ha partecipato all’ultima Cap2Rio.

tommaso-chieffi-l-and-pierre-casiraghi-bd_palermo-montercarlo-2014-andrea-carloniFoto di Andrea Carloni

Ma potete incontrarlo anche nelle principali regate del Mediterraneo, come la “sua” Palermo-Montecarlo (ha vinto in reale l’ultima edizione a bordo del TP52 modificato “B2 Monaco Racing Fleet” con Tommaso Chieffi), o sui campi di regata delle vele d’epoca imbarcato sul 15 metri Stazza Internazionale del 1909 Tuiga (portabandiera dello Yacht Club di Monaco).  Sarà lui il prossimo Gianni Agnelli della vela italiana?

1343202038_extras_portada_0

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Torna su