Route du Rhum, cadono alberi. La situazione

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

imageSabato 8 novembre – Alle 17.30 di ieri, il britannico Conrad Humphreys, che stava partecipando alla Route du Rhum a bordo del Class 40 Cat Phones, ha contattato il comitato di regata e ha comunicato il suo disalberamento mentre era a 380 miglia ad est delle azzorre. Il velista è al sicuro all’interno della barca e sta monitorando la situazione: l’organizzazione ha immediatamente contattato il centro di soccorso marino francese che riporterà a terra Humphreys il prima possibile.

muraGLI ITALIANI
Intanto, la situazione per gli atleti azzurri è abbastanza stabile: dopo l’avaria iniziale, che lo ha costretto a uno stop forzato a Roscoff, Giancarlo Pedote ha iniziato una lenta e inesorabile rimonta. Attualmente, a 2.670 miglia dall’arrivo di Pointe-aPitre (Guadalupa), il suo Class 40 Fantastica si trova in 16ma posizione ma vista la vicinanza con le altre barche un piazzamento tra i primi dieci è ancora alla portata di mano. Alessandro Di Benedetto mantiene la sesta posizione tra gli IMOCA 60, sul suo Team Plastique. Nella categoria Rhum, Andrea Mura è ancora in testa su Vento di Sardegna: per adesso, a 2.432 miglia dall’arrivo, sembra aver pagato la sua scelta di stare più a nord rispetto alla flotta di inseguitori.

imageLÀ DAVANTI, TRA I MOSTRI SACRI
Intanto la testa della regata si avvicina molto velocemente alle coste della Guadalupa. La categoria Ultime, quella delle superbarche cavalcate dai supervelisti, avrà a breve (due giorni, tre al massimo) il suo vincitore: molto probabilmente sarà Loick Peyron sul maxi trimarano Banque Populaire VII, che è a 800 miglia dall’arrivo. Al secondo posto il MOD70 Spindrift di Yann Guichard, al terzo posto Lionel Lemonchois sul suo Prince de Bretagne.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su