American Boat of the Year: chi sarà la più bella del reame?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

ape_american_boat

Oltreoceano è tutto pronto per decidere quale sarà “The American Boat of the Year 2015”. è l’occasione per scoprire barche da noi sconosciute. Ma le europee vogliono fare la voce grossa.

Beneteau Oceanis 35 – La cambi come vuoi
OC-38-1_diaporamaIl cantiere francese sta puntando molto su questa nuova filosofia nella sua gamma Oceanis, ovvero creare barche dal layout trasformabile a seconda delle esigenze dell’armatore. Come visto lo scorso anno col suo fratello maggiore (Oceanis 38), anche questo modello è disponibile nelle versioni Daysailer, Weekender e Cruiser, con interni open space o con le classiche cabine. Per quanto riguarda le manovre, il cantiere ha optato per una grande facilità di utilizzo e di gestione anche con un equipaggio ridotto o con poca esperienza. Dati: lung. 11,50 m; larg. 3,99 m; disl. 6095 kg. www.beneteau.it

C&C Redline 41 – Il rilancio di un cantiere mitico
C&C Redline 41E’ Mark Mills a disegnare questo nuovo bolide dello storico cantiere americano C&C. Nasce subito per poter essere ottimizzato per regate IRC e ORC, ma soprattutto per dare il meglio di sé nelle lunghe d’altura. Colpisce subito il piano velico decisamente generoso (oltre 90 metri quadri), per una barca di questa metratura, con crocette acquartierate e fiocco a bassissima sovrapposizione. Per quanto riguarda la costruzione, si è invece optato per la tecnica dell’infusione sottovuoto. Dati: lung. 12,41 m; larg. 3,70 m; disl. 6850 kg. www.c-cyachts.com

Dragonfly 32 – Il tri… che diventa monoscafo
Dragonfly 32
Questo trimarano del cantiere danese Quorning Boats è disponibile in due differenti configurazioniù: si può decidere prima di tutto se optare per la timoneria a barra o a ruota e poi per due rig diversi: uno più performante e l’altro più facile da gestire. In entrambi i casi, si è prestata comunque molta attenzione alle prestazioni in navigazione sotto vela. Gli scafi laterali retraibili lo rendono adatto a tutti i porti. Internamente possono trovare posto fino a otto persone. La barca non è nuovissima, essendo stata varata nel 2012, ma il cantiere ha deciso di effettuare un’approfondita messa a punto. Dati: lung. 11,99 m; larg. 8/3,70 m; pesc. 0,50/1,90. www.trimarans.com

Farr 280 OD – Riparte la sfida nei monotipi
Farr 280
Bordo libero basso, dritto di prua con leggera inclinazione negativa, sezioni pizzicate a prua, baglio massimo molto appoppato ed esaltato da una carena piatta e spigolosa. Un bompresso fisso, lungo circa un metro e mezzo, e un piano velico sviluppato in altessa, completano il quadro di questo scafo che segna il ritorno di Bruce Farr nel mondo dei monotipi. Una chicca: le sartie sono fisse, senza arridatoi e possono essere regolate alzando o abbassando l’albero tramite una pompa idraulica. Dati: lung. 8,72 m; larg. 2,87 m; disl. 1625 kg. www.farryachtsales.com

 

Fountaine Pajot Saba 50 – A tutto spazio
27/08/2014 - Hyères (FRA,83) - Chantier Fountaine-Pajot - Saba 50Un quindici metri che spicca, tra le altre cose, per la particolare disposizione della sezione prodiera. Qui non troviamo solo il classico trampolino, ma è stata attrezzata una vera e propria area prendisole. Diverse le versioni degli interni. La “Owner” conta una suite armatoriale con bagno e tre cabine ospiti con tre bagni. Dati: lung. 14,98 m; larg. 7,99 m. www.fountaine-pajot.com

Gunboat 55 – Sportività al potere
Gunboat 55Ecco uno dei catamarani abitabili più aggressivi sul mercato. Una caratteristica, quella della sportività, che è insita nel DNA del cantiere fin dai primi modelli. Lo si capisce già solo osservando il profilo degli scafi, particolarmente “spigolosi”. La sovrastruttura vetrata (in parte retraibile quando si naviga col bel tempo) regala alla zona timoneria e al quadrato una luce incredibile. Proprio la posizione della timoneria risulta particolare, al centro della barca e completamente riparata. . Dati: lung. 17,35 m; larg. 7,62 m; pesc. 0,61/2,80 m; disl. 12500 kg. www.gunboat.com

Marlow-Hunter 37 – Un’americana… all’europea!
Marlow-Hunter 37Rispetto a quello che siamo soliti vedere nella produzione Made in USA, il Marlow-Hunter 37 è una barca dalle linee moderne, caratterizzata da un gran numero di finestrature sulla tuga. Una caratteristica che siamo abituati a trovare su barche europee e che regala tanta luminosità agli interni. Proprio gli interni sono stati pensati con un gusto che pare più adatto al nostro mercato, con inserti bianchi ad alleggerire il colore scuro dei legni. Che indichi un futuro lancio in Mediterraneo? Lung. 12,12 m; larg. 3,39 m; disl. 8616 kg. www.marlow-hunter.com

Morris 48 RS – Un grande classico americano
Morris 48Una barca che sta facendo innamorare gli americani, disegnata per chi punta alla vita a bordo senza dover fare troppe soste a terra. Non bisogna farsi ingannare dalle linee un po’ retro, perché nella sua costruzione sono state impiegate le tecniche più moderne. A caratterizzarlo, è senza dubbio l’alta tuga vetrata, che ripara notevolmente il pozzetto. Lo stile scelto per gli interni è decisamente classico, con un grande utilizzo di legni ed è tutto giocato su più livelli. Tre le cabine doppie previste. Lung. 14,90 m; larg. 3,99 m; sup. vel. 94 mq. www.morrisyachts.com

 

Salona 33 – A ruota o a barra? 
Salona 33Un progetto firmato J&J per un cruiser racer sportivo. Notevole il tasso di trasformabilità, con ben quattro pescaggi previsti da 1,50 metri a un massimo di 2,15. L’armatore ha anche la possibilità di scegliere tra timoneria a doppia ruota o a barra. Il layout di coperta appare pulito, con una parte delle manovre incassate nella tuga e rimandate in pozzetto. Sottocoperta ecco due cabine doppie e un bagno, una disposizione tradizionale sulle barche di questa misura, che ha consentito di ricavare a poppa anche uno spazio di stivaggio. Due divani lineari servono il tavolo abbattibile. Dati: lung. 9,99 m; larg. 3,35 m; sup.vel. 67 mq. www.salonaitalia.it

Seascape 27 – Sportiva e divertente
SeascapeNato dalla matita di Sam Manuard, designer e velista di lunga esperienza nella classe Mini, il Seascape 27 è un racer-cruiser interessante, dalle linee d’acqua decise e dagli spigoli che percorrono lo scafo in tutta la sua lunghezza. L’albero, alto 11 metri, è in fibra di carbonio e privo di paterazzo, a prua la presenza di due stralli offre la possibilità di armare sia un genoa che un fiocco. Lung. 7,99 m; larg. 2,54 m; sup. vel. 47 mq. www.seascape.it

Le altre candidate… In tutto sono 27 sfidanti
Nella selezione della barca dell’anno americana ci sono altre diciotto barche. Molto forte la presenza delle europee, con nove cantieri del vecchio continente.
Balance 451 (13,60×7,11 m) – Bavaria Cruiser 37 (11,30×3,67 m) – Bavaria Cruiser 46 (14,27×4,35 m) – C&C 30 (9,15×3,00 m) – Dufour 560 GL (17,15×5,05 m) – Garcia Exploration 45 (14,88×4,44 m) – Hanse 505 (15,40×4,75 m) – Hanse 575 (17,15×5,20 m) – Hobie T2 (4,90×2,34 m) – Island Packet SP MkII (12,9×3,93 m) – Jeanneau SO 349 (10,34×3,44 m) – Jeanneau Sun Fast 3600 (11,25×3,55 m) – mx-Next (16.63×4,80 m) – RS Aero (4,35×1,91 m) – Salona 44 (13,50×4,19 m) – Topaz Argo (4,40×1,85 m) – X-Yachts Xc 35 (10,36×3,52 m).

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su