developed and seo specialist Franco Danese

Sei sicuro che il tuo albero stia bene?

Ambrogio Fogar: l’avventura è l’avventura
1 novembre 2014
Le barche di febbraio: Italia Yachts 15.98 e Pogo 3
1 novembre 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

checking the mast at La Rochelle.Credit: Mark Lloyd/Marinepics.Vi ricordate l’ultima volta che avete controllato la regolazione del vostro albero e il suo stato di salute? Sbagliate se pensate che la regolazione del rigging sia un argomento da “invasati regatanti”, importante solo per vincere perché, sulle imbarcazioni da crociera, una corretta regolazione facilita la vita, soprattutto quando si naviga in condizioni impegnative. Regolare il rigging in maniera corretta significa avere una forma del piano velico adatta alle condizioni di mare e vento con le quali vi state confrontando. Vele ben regolate significano una conduzione più facile e sicura. Navigare con vento intorno ai diciotto nodi con l’albero non in assetto compromette il lavoro del piano velico con il risultato che la barca diventerà difficile da timonare: molte astuzie che spesso sono considerate proprie del mondo delle regate è utile che vengano acquisite anche da chi naviga solo per divertimento. Prima di intervenire sulle regolazioni, a proposito delle quali Roberto Spata, uno dei massimi esperti del settore, ci indicherà le procedure a terra e in navigazione per verificare la corretta regolazione dell’assetto dell’albero, sono necessari alcuni controlli preliminari per verificare che tutta l’attrezzatura sia in salute. A tal proposito abbiamo scelto come testimonial Walter Giovanelli della G&G Rigging che ci aiuterà a identificare l’attrezzatura dell’armo che necessita di manutenzione. Un rigging poco curato può essere pericoloso e la perdita dell’albero può avere conseguenze tragiche se avviene nel momento sbagliato. Una volta che avrete provveduto a un’attenta manutenzione di tutte le componenti i tempi saranno maturi per pensare a una sua corretta regolazione. In questo modo, la vostra barca in crociera diventerà non solo più facile da gestire con vento sostenuto e più sicura, ma anche più performante per le vostre navigazioni vacanziere. Trovi l’articolo completo sul numero di Marzo de Il Giornale della Vela.

1 Comment

  1. Ugo ha detto:

    il pezzo mi ha fatto un po’ sorridere…
    esiste un “momento giusto” per disalberare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi