developed and seo specialist Franco Danese

Luoghi magici, barche, consigli e regate: è VELA di novembre!

Rotta verso la fine del mondo: l’arcipelago delle Svalbard
30 ottobre 2014
Speciale Refit #2: tre buone idee per “aggiornare” la vostra barca
31 ottobre 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Lancio numeroPerché salire a bordo con noi del numero di novembre del Giornale della Vela? Per tanti buoni motivi. Continuate a leggere, ve ne sveliamo già dieci in anteprima: a cominciare dal grande servizio sul refitting, passando per l’avventura di Gianni Porzio “alla fine del mondo”, per i ritratti degli italiani impegnati in una delle regate più dure, la Route du Rhum, e per le tante barche che abbiamo provato.

refit1. NON CAMBI LA BARCA? ALLORA FALLA NUOVA
Guidati da Grazio Basile, uno dei massimi esperti del settore, ci addentriamo nel mondo del refit, ovvero la rimessa a nuovo di una barca. Si tratta di una valida alternativa all’acquisto di uno scafo nuovo, un momento per ridare alla vostra “amata” una nuova verginità. Un compromesso tra ottimizzazione ed estetica. In questo ampio servizio vi spieghiamo cosa fare e vi diamo anche alcuni esempi pratici, dalla rottamazione delle sartie alle nuove eliche, dal wrapping alle appendici.

porzio2. ROTTA VERSO LA FINE DEL MONDO
Il Grande Nord è la nuova frontiera dell’esplorazione. Dal Passaggio a Nord Ovest al selvaggio arcipelago delle isole Svalbard, dove il grande reporter Giovanni Porzio ci accompagna, tra orsi a zonzo, foche, e navigazioni con ghiacci a pelo d’acqua. Ecco il resoconto di un’avventura dettata dalla voglia di esplorare, di scoprire quello che non si conosce: una voglia insita nell’uomo fin dalla notte dei tempi.

barcolana3. COME ABBIAMO VINTO LA BARCOLANA
Quest’anno anche il Giornale della Vela ha partecipato alla regata più famosa del mondo, la Barcolana, con un’iniziativa che ha coinvolto ben 49 velisti a bordo di 4 imbarcazioni. Vi sveliamo il dietro alle quinte di una tre giorni davvero indimenticabile, con la ciliegina sulla torta finale: siamo riusciti a vincere con una delle nostre barche. Inoltre vi raccontiamo di come Davide è quasi riuscito a battere Golia: la  storia del piccolo RC44 che, in mezzo a scafi tre volte la sua lunghezza, ha rischiato di vincere la classica triestina.

alfabeto4. L’ALFABETO DEL MARE
Un bellissimo libro illustrato di due autori portoghesi ci porta a navigare con la fantasia attraverso le parole, perchénel mare ci sono molte leggende da raccontare e molte viste da scoprire, che siano pesci o pirati. Vi regaliamo un “assaggino” del libro e delle parole in esso contenute, e chiudiamo anche con una “lista delle escluse indignate”: ovvero alcune delle tante, tantissime parole di mare che non sono state inserite nel libro…

instagram5. LO SCATTO VINCENTE
Giunge al termine il nostro cotest Instagram “TAG Heuer Crociera GdV 2014”: circa 1400 le foto che ci sono pervenute in redazione. Scegliere i finalisti e il vincitore è stato davvero difficile, abbiamo dovuto fare gli straordinari. Scoprite con noi chi sono i vincitori (il primo si è aggiudicato un cronografo TAG Heuer Aquaracer 500 M Calibre 5 Automatic), la loro storia e le loro splendide foto.

hanse6. LE NOSTRE PROVE
Sotto la lente di ingrandimento questo mese ci sono due barche da crociera: la prima è il nuovo Impression 35, maxi-natante “semi-deck”, come lo abbiamo definito noi. Dieci metri che non richiedono l’immatricolazione della barca o la patente nautica ma con interni da vera crociera per navigare ovunque. Poi siamo saliti a bordo dell’Hanse 505, il 15 metri e mezzo del cantiere tedesco che fa della facilità di conduzione e delle ampie possibilità di personalizzazione degli interni e degli accessori i suoi punti forti.

rs-aero7. RS AERO, VIVERE ALLA DERIVA
RS Sailing presenta l’Aero, un nuovo singolo pronto a far tremare il mercato delle “piccole e performanti”: 30 chili di scafo facili da gestire e da far planare. Albero e boma sono in carbonio, e ci sono tanti altri accorgimenti che fanno capire come le ultime innovazioni tecnologiche nell’ambito della vela siano ormai facilmente a disposizione anche per le derive. Siamo andati a provare la veloce imbarcazione che ha richiesto ben 3 anni di studio e progettazione.

route-du-rhum8. CI SONO TRE ITALIANI SULLA ROTTA DEL RHUM
Sono pochissimi gli italiani ad aver concluso la Route du Rhum (ve ne raccontiamo la storia), una delle regate più difficili per ogni navigatore solitario che si rispetti: quest’anno l’Italia schiera tre nomi di tutto rispetto. Andrea Mura (che l’ha vinta nel 2010), Giancarlo Pedote e Alessandro Di Benedetto. Sono gli stessi 3 nomi che molto probabilmente prenderanno parte al prossimo Vendée Globe, il giro del mondo in solitario. Vi sveliamo chi sono i tre velisti che sfidano l’Oceano.

swan 309. OGGI, COME TRENT’ANNI FA
Lo stesso equipaggio con la stessa barca, lo Swan 38 Trimegista, si ripresenta trent’anni dopo a Porto Cervo per la Swan Cup. Una rimpatriata di vecchi amici ha regatato nelle acque della Costa Smeralda come se il tempo si fosse fermato sulla linea di partenza. A raccontarci questa storia è “l’insider” Maria Francesca “Chicca” Natoli. Ci siamo anche divertiti a raffrontare una foto dell’84 e una del 2014 e vedere che cosa è cambiato nell’equipaggio...

Beyer10. IN BARCA CON SUSANNE BEYER
Con questo numero del Giornale della Vela in allegato opzionale (e su Nauticplace.com, sezione libreria) potete trovare il secondo DVD della collana “In Barca con Susanne Beyer”. Susanne Beyer ed Enrico Podestà sono i nostri istruttori e ci guidano nel mondo delle manovre facili e in equipaggio ridotto. Entrambi hanno affrontato l’oceano in solitario su una barca di soli sei metri e mezzo e nessuno meglio di loro può insegnare a gestire una situazione quando a bordo si è in pochi. In questo DVD scopriamo che e partiamo dalle manovre in porto: come si affrontano e come bisogna sfruttare gli effetti evolutivi dell’elica. Una volta in mare aperto Enrico e Susanne, ci insegnano a manovrare meglio in ogni andatura, a virare in due o da soli e a usare correttamente il gennaker, una vela tanto divertente quanto facile da utilizzare anche in crociera.

Ricordate, ci sono anche tanti altri buoni motivi per non perdere il nuovo numero di novembre del Giornale della Vela. In edicola, su iPad, iPhone e su tutti i tablet e gli smartphone Android.

1 Comment

  1. Experencua Austral ha detto:

    Per navigare nel mondo alla fine del mondo (Capo Horn, Fiordi Ghiacciai cileni, Antartide): http://www.velaallafinedelmondo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi