Il vela-ospedale: l’ultima “trashata” del magnate russo

white-sailsChe la vela venga utilizzata a livello terapeutico è ormai una realtà assodata: sono tante le associazioni onlus che si prodigano nel settore, ed è una fortuna.

vasilj-klyukin
vasily-klyukin

IL MAGNATE RUSSO CHE SOGNA VELIERI
Ma il miliardario russo Vasily Klyukin ha pensato le cose molto più in grande (lasciatecelo dire, con un tocco di kitsch che caratterizza i magnati “oltrecortina”) e, ovviamente, per profitto: un gigantesco ospedale a forma di veliero. Si tratta del White Sails Hospital & Spa che sorgerà a Enfidha, in Tunisia. Il budget del progetto si aggira intorno ai 50 miliardi di euro: mica poco per l’imponente vela-ospedale.

VADO NELLO SPAZIO E GLI OSPEDALI MI DANNO TRISTEZZA
“L’idea – racconta Klyukin, che ha costruito la sua fortuna con la Sovcombank, una delle banche russe più importanti – mi è venuta dopo i miei continui soggiorni presso gli ospedali”. Problemi di salute? Tutt’altro: “L’anno prossimo andrò nello spazio, e le mie condizioni vanno monitorate periodicamente. Tutte le volte che entro in un ospedale, la sua vista mi fa venire il magone. E allora mi sono detto: perché non costruire un ospedale dove non ci sia spazio per la paura?”.

Il progetto dell’ospedale è dell’architetto saudita Lalei Al Barakah Est mentre la costruzione sarà seguita dall’azienda ingegneristica Thornton Tomasetti. Cosa ne pensate?


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

1 commento su “Il vela-ospedale: l’ultima “trashata” del magnate russo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su