developed and seo specialist Franco Danese

INTERVISTA Si avvicina la Route du Rhum, Pedote è pronto

ARC 2014, Chi vuol essere velista oceanico?
16 ottobre 2014
Continua il viaggio tra le barche usate di dieci metri. Quale preferite?
16 ottobre 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

pedote

Giancarlo Pedote (foto Breschi)

Mancano poco più di due settimane alla Route du Rhum, (3.543 miglia in solitario da Saint Malo fino a Point-a-Pitre, in Guadalupa) e gli italiani si stanno preparando ad affrontare questa lunga e difficile regata: uno di loro è Giancarlo Pedote (gli altri partecipanti sono Alessandro Di Benedetto e Andrea Mura), che abbiamo contattato per un’intervista.

Giancarlo Pedote a bordo del Class 40 Fantastica (foto Gergaud)

Giancarlo Pedote a bordo del Class 40 Fantastica (foto Gergaud)

Il velista, fresco di una stagione strepitosa sui Mini 650 (cinque regate, cinque primi posti: Lorient-Bretagne Sud Mini, Pornichet Sélect, Mini en Mai 2014, Trophée Marie-Agnès Péron e ora la Les Sables), si metterà in discussione tra i Class 40. Prysmian, già main sponsor del Mini di Giancarlo (Prysmian ITA 747), ha deciso di sostenere anche il progetto Route du Rhum con una partecipazione su Fantastica, messo a disposizione dall’armatore Lanfranco Cirillo. Ecco cosa ci ha raccontato.

Cosa ti aspetti dalla regata? Questa è davvero la prova del nove…
“La Rotta del Rhum è sicuramente una regata molto importante, che merita tutta l’attenzione dei media e dello skipper che vi partecipa. La mia storia con questa regata nasce in maniera inaspettata a maggio, quando già stavo portando avanti un intenso programma sul mio Mini Prysmian ITA 747. Questo significa che sono a tempo pieno su questo progetto dal mese di settembre. Per me si tratta di un’occasione di confronto con una nuova dimensione avendo a disposizione un’imbarcazione ancora da scoprire e tutto l’impegno, la passione e il metodo che sono presenti nel mio bagaglio”.

Classe mini / Les Sables-Les Açores-Les Sables 2014 / Arrivée aux Sables d'OlonnesSei teso? Determinato?
“Teso no, determinato sì, soprattutto perché mi trovo a gestire un progetto in cui tutto è prioritario, tutto è necessario. Mettere su una Rotta del Rhum in due mesi richiede una grande concentrazione da applicare in ogni singolo aspetto della preparazione: la navigazione, la scoperta della barca ed anche la sua preparazione, poiché ancora una volta ho scelto di non lavorare con un project manager ma dirigo io i lavori dei fornitori da me scelti”.

Tra i Mini sei un vero e proprio campione: non temi il proverbio “chi lascia la via vecchia per la nuova sa quel che lascia ma non sa quel che trova?”
“La strada del Mini è una strada affascinante, che amo, ma indubbiamente prima o poi dovrò lasciarla. A breve decideremo insieme a Prysmain se nel 2015 parteciperò nuovamente alla Mini o no, ma anche se così sarà, alla fine del prossimo anno la via del Mini per me terminerà, in quanto prevedo il passaggio ad una classe diversa. La voglia di esplorare è grande…”.

E speriamo che la classe diversa di cui parla Giancarlo sia l’IMOCA 60, e la voglia di esplorare si riferisca al Vendée Globe (il giro del mondo in solitario senza scalo) del 2016…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi