La “nostra” Barcolana – La vela è il miglior collante sociale

barcolana-noiProve generali della Barcolana. Domani si parte e stamattina i 49 partecipanti all’iniziativa promossa da TAG Heuer e il Giornale della Vela tramite cui si prende parte alla classica triestina – 36 ospiti e 13 tra armatori e skipper su quattro barche – sono usciti in mare per i primi test e per conoscersi tra loro. Io ero proprio curioso di salire a bordo di una di queste imbarcazioni perché sostengo da tempo che la barca sia il più efficace dei collanti sociali e volevo veder avvalorata la mia tesi sul campo. “Ci sono persone che vengono da tutta Italia (palermitani che arrivano dalla Slovacchia, milanesi, padovani, marchigiani), nessuno si conosce”, mi sono detto, “vediamo se si amalgamano in poche ore”. Così mi sono infilato di straforo sull’Italia Yachts 13.98 con a bordo lo skipper Giango Tadini (Campione Italiano ORC quest’anno sul Dufour 34 “Baciottinho”) riempendomi la bocca di un titolo che oggi va molto di moda, complice la Volvo Ocean Race: “Media Crew Member”. Le altre barche, per la cronaca, erano “capitanate” da Alessandro Zamagna, Maurizio Vettorato e Simone Gesi.

Giango Tadini (in blu) impartisce lezioni all'equipaggio di Take Five
Giango Tadini (in blu) impartisce lezioni all’equipaggio di Take Five

MEGLIO DI STRAULINO!
Usciamo nella bonaccia, quando il vento arriva a 2 nodi è un miracolo. Giango e Brenno, il timoniere, si danno un gran da fare per portare al meglio la barca. L’equipaggio viene continuamente stimolato: i pigri vengono “punzecchiati” amichevolmente, ad ogni errore viene spiegato a chi ha sbagliato che cosa ha sbagliato, e piano piano l’iniziale timidezza lascia il posto alla goliardia tipica della barca a vela. Sale un po’ il vento. La bolina si fa divertente, la poppa ancora di più con l’equipaggio che migliora minuto dopo minuto e acquisisce una capacità di manovra che consente a “Take Five”, questo il nome del 13.98, di rasentare le rive triestine sotto spinnaker, zigzagando nella miriade di barche in mare, dallo scavafango degli anni ’60 al velocissimo Extreme 40. Se la parabola di miglioramento proseguisse costante, i ragazzi a bordo potrebbero uscire tranquillamente dal porto di Taranto a vela con l’Amerigo Vespucci, al pari di Agostino Straulino!

ORA IL GRANDE QUIZ
Si ritorna a terra dopo una bella veleggiata, ci si dà del tu e si organizza una bella bicchierata di vino bianco (la mia tesi è confermata, quindi). Aspettando il grande quiz che tra poco coinvolgerà tutti i partecipanti di TAG Heuer VELAFestival alla Barcolana
: alle 17.30 presso lo stand congiunto di TAG Heuer e Giornale della Vela test scritto e prova tecnica per vincere un bellissimo orologio Tag Heuer Aquaracer. Giudice d’eccezione: il grande Mauro Pelaschier.

Eugenio Ruocco


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su