Scoprite gli skipper del TAG Heuer VELAFestival alla Barcolana

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

BarcolanaSchermata 2014-10-08 a 13.37.32Ci siamo ormai. Manca pochissimo alla partenza della Barcolana numero 46, dal 10 al 12 ottobre. Ci saremo anche noi, insieme a voi, alla grande festa della vela triestina. A bordo delle quattro barche che abbiamo preparato per tutti i partecipanti alla nostra iniziativa TAG Heuer VELAFestival alla Barcolana ci saranno altrettanti skipper d’eccezione. Ve li presentiamo!

SIMONE GESI

Mini Transat, Simone GesiNato a Follonica il 29 settembre 1969, ha svolto il mio servizio militare in Marina presso la Sezione Velica di La Spezia come prodiere di Bellatrix, un One Tonner timonato da Vasco Vascotto. Negli anni ha regatato molto, vincendo tra l’altro il Campionato del Mondo di vela Quarter Ton su “Jonathan VI” con Vascotto, Paoletti, Favretto e Tosi, la Nioularge a prua di Flica 2 con Enrico Chieffi al timone, e conta un 3° posto al Giro d’Italia a Vela su Friuli Albatros con Stefano Rizzi e Vasco Vascotto nel ’93 e la vittoria a Punta Ala della tappa Volvo Cup con Lorenzo Bressani al timone. Tra il 2008 ed il 2009 ha percorso più di 5000 miglia insieme a Dagadà, il suo Mini 6,50 Tip Top. Per ottenere l’ammissione alla Transat 6,50 2009 ha dovuto percorrere 1000 miglia in solitario ed ottenere “punti” partecipando a regate di livello internazionale. Nel settembre 2008 l’esordio alla Mini Empuries, regata di 200 miglia in doppio: è subito un ottimo terzo posto. Nel 2009 si laurea Campone Italiano della Classe Mini 6,50, riuscendo poi a partecipare alla Mini Transat. La sua filosofia? “Per navigare in solitario è necessaria una grande disciplina e conoscenza di sé, per sapere quando è il caso di accelerare e spingere la barca al massimo e quando invece è il momento di tirare il freno a mano. Perché l’unica cosa che conta durante una traversata atlantica in solitario è portare la barca dall’altra parte dell’oceano e avere presente che il mare e il vento sono sempre più forti di noi”.

ALESSANDRO ZAMAGNA
zamagna
Alessandro può vantare una esperienza ventennale nel mondo delle più importanti regate d’altura e della navigazione in equipaggio ridotto di sole due persone. Ha un’importante conoscenza di tutto ciò che riguarda il rigging, le attrezzature e gli impianti di bordo, esperienza maturata anche grazie al suo ruolo di comandante di imbarcazioni di ogni tipo e dimensione. Alessandro fa parte del team di Sea Master ed è l’istruttore della base di Rimini.

Curriculum
– 24 anni di regate d’altura e costiere su cabinati in equipaggio ridotto di 2 persone
– 1 traversata atlantica in equipaggio
– 1 traversata atlantica in solitario su minitransat 6.50
– 14 anni di charter in Italia, Croazia, Francia, Spagna e Grecia ionica
– 4 anni di comando su “Goletta Verde” Cattolica
– innumerevoli trasferimenti a vela e motore in tutto il mediterraneo
– costruzione e manutenzione di cabinati a vela in materiali compositi

MAURIZIO VETTORATO
vettoratoE’ di Bolzano e nasce come alpinista estremo. Partecipa a molte spedizioni extraeuropee conquistando alcune delle cime più alte del mondo. Apre assieme alla moglie ed alcuni compagni, itinerari di arrampicata sia in Europa che in altri continenti, alcuni di essi addirittura tuttora irripetuti. Concorre a numerosi campionati nazionali e mondiali di arrampicata sportiva. Ottiene la qualifica di Istruttore Nazionale di diverse discipline di montagna come arrampicata libera, sci alpinismo, ghiaccio ed Istruttore Nazionale della Federazione Italiana di Arrampicata Sportiva. Consegue diplomi come Preparatore Atletico. Partecipa inoltre a numerosi stage sulle metodologie dell’ alimentazione applicata allo sport. Nel 1997 decide di trasferire tutte le sue esperienze sportive e la sua profonda determinazione nel campo della vela raggiungendo velocemente ottimi risultati, partecipando con alcuni dei team più importanti a numerose regate nazionali ed internazionali, sia a bastone che lunghe. Dopo aver regatato con molti Team esterni, decide di crearne uno proprio per partecipare a una delle transoceaniche più impegnative e suggestive, la Transat 650, con una delle barche più affascinanti sotto molti punti di vista: i fantastici Mini 6.50. Nel corso del 2006 ha ottenuto ottimi risultati ed è stato proclamato Campione Italiano. Nel corso del 2007 ha regatato al Gran Premio d’Italia in coppia con Giovanni Soldini a bordo di ITA 623 SpazioLibero. Poi ha partecipato con accanto il mito gardesano Giulio Comboni alla TreContinenti, regata che da Marsiglia arriva ad Alessandria d’Egitto, 1700 miglia. Ed infine la Transat 650, Regina delle regate oceaniche in solitario 4200 miglia che scorrono dalla Bretagna fino al Brasile, durante la quale Maurizio ha purtroppo subito un incidente che ha compromesso il risultato finale.”Quello che conta è arrivare al traguardo, aver capito di essere più ricco dentro ed amare la vita più di prima!” ha dichiarato Maurizio appena sbarcato a Bahia.

GIOVANNI TADINI
GiangoNaviga da sempre; dopo tutto il percorso nel mondo delle derive, si è lanciato nell’altura, prima di scoprire l’amore per i monotipi: Beneteau 25 (classificandosi terzo al Campionato Italiano 2004), H22 (con un secondo posto al Capionato Europeo 2007) e Melges 24. Dalla monotipia è tornato al mondo delle regate d’altura, prima come randista su Jeronimo J133, a bordo del quale ha vinto per due anni di seguito la Settimana di Alassio e ha ottenuto un secondo posto overall alla Giraglia del 2008. Da allora è stato, ed è ancora oggi, il tattico di Baciottinho, il Dufour 34 con il quale si è appena laureato Campione italiano ORC. Sempre su Baciottinho, si è aggiudicato anche due settimane di Alassio, una Giraglia e conta un secondo posto a Les Voiles de St Tropez.

QUI TROVI IL PROGRAMMA COMPLETO DEL FINE SETTIMANA!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Cosa trovi sul numero di giugno 2024 del Giornale della Vela

Cosa trovi sul numero di giugno 2024 del Giornale della Vela

Finalmente! Il numero del Giornale della Vela di giugno 2024 (il numero 542, dal lontano 1975!) è in edicola e in digitale, scaricando la nostra app gratuita (qui se avete iOS, qui per Android). Ve lo raccontiamo in anteprima! Fatti un regalo: abbonati

Cosa trovi sul numero di maggio 2024 del Giornale della Vela

Cosa trovi sul numero di maggio 2024 del Giornale della Vela

Finalmente! Il numero del Giornale della Vela di maggio 2024 (il numero 541, dal lontano 1975!) è in edicola e in digitale, scaricando la nostra app gratuita (qui se avete iOS, qui per Android). Ve lo raccontiamo in anteprima! Fatti un regalo: abbonati

Cosa trovi sul numero di aprile 2024 del Giornale della Vela

Finalmente! Il numero del Giornale della Vela di aprile 2024 (il numero 540, dal lontano 1975!) è in edicola e in digitale, scaricando la nostra app gratuita (qui se avete iOS, qui per Android). Ve lo raccontiamo in anteprima! Fatti un regalo: abbonati

Due derive gonfiabili Tiwal davanti allo yacht A (142 metri) progettato da Philippe Starck - Trovi la loro storia a pagina 66 del numero di marzo 2024 del Giornale della Vela

Cosa trovi sul numero di marzo 2024 del Giornale della Vela

Finalmente! Il numero del Giornale della Vela di marzo 2024 (il numero 539, dal lontano 1975!) è in edicola e in digitale, scaricando la nostra app gratuita (qui se avete iOS, qui per Android). Ve lo raccontiamo in anteprima! Fatti un regalo: abbonati

Registrati



Accedi