VIDEO. Esclusiva a Cannes: German Frérs ci svela il suo segreto


German Frèrs ha presentato a Cannes la sua nuova creatura:l’Euphoria 54, nato dalla collaborazione con il cantiere turco Sirena Marine. Un 54 piedi che abbiamo visto “nascere” in cantiere, durante la nostra trasferta a Istanbul presso i cantieri di Sirena Marine e che ora abbiamo il piacere di vedere pronto a scendere in acqua. Questa barca punta a offrire un perfetto equilibrio tra perfomance in navigazione, facilità nelle manovre, eleganza sull’acqua e comfort a bordo. Per avere uno scafo “di lusso” ma capace di correre veloce sull’acqua. E con il segno distintivo della matita di Frers, presente in tutte le sue barche: la poppa svasata a proposito della quale abbiamo chiesto al progettista argentino di spiegarci motivo e origine, come potete ascoltare dall’intervista qui sopra.

foto

UNA COPERTA PENSATA PER ASSICURARE IL MASSIMO COMFORT ANCHE IN LUNGHE CROCIERE
Caratteristica dominate del piano di coperta è la tuga dalle lunghe e affilate finestrature la cui forma a cuneo ha la superficie superiore che va a raccordarsi con la parte prodiera del ponte in modo continuo, creando una zona centrale libera da ingombri e che corre indisturbata fino al tambuccio. Il pozzetto, chiuso a poppa da una grande plancia apribile, è protetto da alti paramare che si allungano fino alla ruota poppiera. Subito a prua della timoneria sono riportati due winch a portata di mano del timoniere. Gli spazi dedicati al relax sono ampliati al massimo per poter navigare comodamente anche per lunghe crociere. Lo scafo è costruito in resina vinilestere con processo di iniezione che assicura, nello stesso tempo, il massimo della robustezza e della leggerezza. Su specifica richiesta dell’armatore, l’albero (in alluminio nella versione standard) può essere realizzato anche in fibre di carbonio. Per quanto riguarda l’armo è disponibile una versione con randa avvolgibile.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su