developed and seo specialist Franco Danese

Rifiuti in mare, li hai visti anche tu? Segnalacelo!

Anche la vela si mobilita per la SLA. Vi spieghiamo come donare
28 agosto 2014
Elba sì, Elba no: due porti, due modi opposti di trattare i diportisti
29 agosto 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

marine litterLi hai visti anche tu? No, purtroppo non stiamo parlando dei delfini che saltellano tra le onde davanti alla prua della tua barca, ma di rifiuti. Come spiega Goletta Verde nel suo rapporto “Marine Litter”, la classifica della presenza di pattume nel nostro mare vede in testa il Mar Adriatico (con 27 rifiuti galleggianti ogni km quadrato di mare), seguito dal Mar Tirreno (26 per kmq), dal Mar Ionio (7 per kmq) e dalla tratta “transfrontaliera” Civitavecchia-Barcellona (4 per kmq). Volendo poi fare la graduatoria per località, in testa troviamo la costa di Castellamare di Stabia in Campania (150 rifiuti per kmq), seguita da quella abruzzese di Giulianova (100 per kmq) e da quella pugliese del Gargano (30 per kmq). Nella sua osservazione il team di Goletta Verde poi racconta che, nei nostri mari, si trovano rifiuti per lo più plastici: lungo le rotte seguite (vedi immagine qui sopra) è stato trovato un rifiuto plastico ogni 10 minuti.

AIUTACI A FARE PULIZIA
Insomma, anche se non siamo ai livelli del “plastic vortex”, la famigerata isola di rifiuti galleggianti formatasi nell’Oceano Pacifico, il pattume e la plastica in particolare rappresentano un grave problema ambientale anche nei nostri mari. Il Consiglio Generale della Pesca nel Mediterraneo (FAO) inoltre afferma che oltre 6 milioni di tonnellate di materiali solidi e pericolosi di origine umana vengono scaricati ogni anno nei mari del mondo. E allora è davvero giunto il momento che anche nel Mediterraneo, nel “nostro” mare, tutti facciamo ancora di più… anche raccontando e denunciando la presenza di rifiuti. Per questo ti chiediamo: sei stato in vacanza in barca? Hai visto rifiuti? Dove? Segnalacelo mandando una mail a speciali@panamaeditore.it e tutti insieme provvederemo a integrare la denuncia ambientalista e a sensibilizzare in modo sempre più forte l’opinione pubblica su questo tema!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi