Baciottinho: come si trasforma una barca di serie in uno scafo campione italiano ORC

CS_28_CR_130729nm_7988 (1)Prendi una barca di serie del 2009, sistemala, ottimizzala e metti a bordo un equipaggio “navigato” di amici. Ecco come Baciottinho ha vinto l’ultimo Campionato Italiano Assoluto di Vela d’Altura  in classe 4 di Loano (SV), di cui vi parliamo a pag. 124. Baciottinho è un Dufour 34 Performance dell’armatore milanese Giuseppe Tadini. Una barca di serie del 2009 che, ottimizzata per l’ORC che si è dimostrata ben più corsaiola di altri scafi nati per la regata. Abbiamo chiesto a Tadini di svelarci i “segreti” di Baciottinho: “Di segreto non c’è nulla”, tiene a precisare l’armatore, che comunque è arrivato a raccogliere risultati per gradi, facendo compiere alla barca un percorso di ottimizzazione che ha coinvolto più eminenti “cervelli” italiani, tra scafo e vele. “Il bulbo è stato messo in dima da Umberto Felci (originale progettista della barca) – racconta Tadini -, il piano velico è opera di Maurizio Cossutti in collaborazione con Fabio Ascoli di OneSails, successivamente rimaneggiato da Guido Cavalazzi e Giovanni Sanfelice di North Sails”. Tutto inizia nel  2010 quando Tadini decide di acquistare la barca, che era ferma in un cantiere a Bocca di Magra a “miglia zero”, dopo essere stata commissionata da un armatore siciliano che non l’ha mai ritirata. Rispetto alla versione base presentava già alcune modifiche per renderla più competitiva: “l’albero maggiorato (la “P”è di 12,18 m contro gli 11,70 originali), le sartie in tondino e la strumentazione B&G, molto efficace in regata se si impara a sfruttarla bene”. Nelle pagine che seguono vi mostriamo gli accorgimenti adottati da Giuseppe (per gli amici è “Koki”) per rendere Baciottinho una piccola belva da regata. utili per alleggerire la barca di 150kg, ottimizzarne le prestazioni sulla base del sistema ORC e per snellire le manovre a bordo rendendole più semplici, in modo da poter concentrare le energie su una migliore conduzione della barca e sulla tattica di regata. Girate pagina e…traete spunto!

Trovate l’articolo completo sul numero di settembre de Il Giornale della Vela


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su