Da velista d’acqua dolce a marinaio salato – l’epilogo

Adriano Gatta, bresciano DOC, classe 1956, free-rider, alpinista, ex nazionale di judo, appassionato di fotografia (sono sue le foto che corredano il racconto), ci ha scritto raccontandoci la sua storia di ex motoscafaro “pentito”. Ve la proponiamo diviso a puntate (in fondo al racconto trovate tutti i link dei capitoli precedenti), come facevano i quotidiani un tempo. Ecco a voi la quinta e ultima parte del nostro “racconto dell’estate”.

A metà ottobre, dopo averne valutate alcune, troviamo ciò che cerchiamo: Sun Odyssey 40′, del 2000(il budget non mi permetteva una barca più recente) ma in ottimo stato e super accessoriata, anzi di più; coperta in teak, cuscineria nuova, webasto, radar, GPS, AIS e via discorrendo, aveva persino il cagnaro che non sapevo manco cosa fosse e ho dovuto cercarlo sul Vocabolario del Velista, la bibbia del comandante Basile.

A fine mese firmo il passaggio di proprietà e chiedo il cambio di nome sulla licenza.

BRAVO PAPA’ 3. Ovviamente.
adri varo

E adesso si parte per Cérvia……. machimmeloffaffare, circumnavigare tutta l’Italia in inverno e non godermi le bellezze dei mari sui quali navigherò ? E poi il freddo e le giornate corte ? E poi dove lo trovo un pirla che mi accompagna in questa stagione ?

No,  no, ci ripenso e porto la barca nel nuovo porto di Marina di Pisa; sono a due ore e mezza di auto da casa e durante l’inverno me la sistemo come voglio io, poi a maggio si vedrà.

A Marina di Pisa trovo delle persone gentilissime. Faccio subito amicizia con gli ormeggiatori che mi vedono trafficare tutto l’inverno attorno alla barca.

Mi invidiano perchè ho deciso di passare i miei “ultimi” (spero lunghi) anni in giro per mari.

Trascorro parecchi week end lunghi ad attrezzare la barca come piace a me e a metà novembre faccio il varo con tanto di bollicine, ovviamente di Franciacorta( anche se questo è un altro lago), invitando gli amici più cari. Capodanno in barca e poi alcune uscite di prova alla Meloria e verso Gorgona e a letto col Webasto a canna; dalle Apuane fischia giù una tramontana gelida.

Nel frattempo da Gigi arriva la proposta shock: “Io porto il Golly a Trapani e lo lascio là almeno due anni, vieni anche tu?”

Ecchèccazzo, ma non si fa così, non ho ancora deciso quando partire per Cervia e poi chi glielo dice alla Marghe?

“La Sicilia? È l’unica regione che non abbiamo mai visto, e poi tanto per andare a Cervia ci dovevamo passare no?”

Io sono un metodico, un precisino, non potete sballarmi i piani così; cosa dico a Floriano che mi sta cercando il posto barca?

Però, Trapani, le Egadi, Ustica, Lampedusa , Stromboli e la sciara di fuoco e poi ancora l’Etna, Agrigento, Noto e il suo Barocco, Acireale, Licata e il commissario Montalbàno, Palermo…..no, no fatemici pensare.

Faccio due conti della serva: andata e ritorno in auto da Cervia + autostrada mi costa il doppio di un volo low cost Bergamo-Trapani.

Il posto barca mi costa quasi la metà di Salò…….ma perchè non l’ho fatto prima!!!!
adri  regata (2)

Chiamo Gigi: “Comandante, è ancora valida la tua proposta, c’è ancora un posto barca al Marina Levante aTrapani ?”

“Siii? Allora sappi che  che a giugno io porto la barca in Sicilia”

E così comincia l’avventura che porterà il BRAVO PAPA’ 3 per ora aTrapani, via Capraia, Corsica, Sardegna e poi si vedrà…….ma questa è un’altra storia…

FINE (PER ORA)

RILEGGI GLI ALTRI CAPITOLI DEL RACCONTO DELL’ESTATE
Parte 1
Parte 2
Parte 3
Parte 4


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Da velista d’acqua dolce a marinaio salato – l’epilogo”

  1. Pingback: LETTERA Da Bettina, che a Trapani ti porta la cena... a bordo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Rendering del nuovo CNB 78

CNB 78, il super 23 metri di Briand costruito in Italia

CNB presenta al salone di Düsseldorf il mock-up del nuovo 78 piedi, che sostituirà il CNB 76. La nuova barca, al momento ancora in progetto, verrà costruita ad Aquileia (Udine), il cantiere CNB infatti ora è parte del gruppo Solaris.

Torna su