developed and seo specialist Franco Danese

In barca con 115 milioni di cocaina. Il narcoskipper è ormai una professione!

Il bello di possedere un catamarano
6 agosto 2014
Contest Instagram: ovvero quando i tramonti hanno il loro fascino
7 agosto 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

cocainaBen 680 chili di cocaina (per un valore di 115 milioni di euro) sono stati sequestrati nel porto spagnolo di Anguillas, nella regione di Murcia, grazie a un’operazione congiunta della squadra mobile di Napoli e della polizia spagnola.

cocaina-barcaLa cocaina, divisa in panetti da 1 chilo e 100 grammi veniva trasportata su un Bavaria 40, “Scugnizza” che era salpato a febbraio dal porto di Napoli destinazione Venezuela. Un incensurato italiano, Bartolo di Massa, 46 anni, di Castellammare di Stabia e due cittadini spagnoli sono stati arrestati. La droga, proveniente dal Venezuela, veniva stoccata in magazzini utilizzati dai trafficanti e – secondo gli investigatori – era destinata ad essere trasportata in Italia e venduta sopratutto in Campania.

Questo è solo l’ultimo caso del fenomeno del traffico di droga in barca a vela, in continua espansione.

I NUOVI “ESCOBAR DELLA VELA”
Un vero boom secondo gli investigatori antidroga di tutt’Europa. Un rapporto riservato traccia l’identikit dei nuovi narcotrafficanti di cocaina del terzo millennio: sono 35/40enni europei con un passato di manager, dirigenti, finanzieri e piccoli imprenditori che, a causa della crisi, perdono il posto di lavoro o sono costretti a chiudere la propria attività. Li accomuna la passione per la vela e la capacità di saper condurre un’imbarcazione per lunghe navigazioni oceaniche. Ecco chi sono gli skipper della droga di questo inizio millennio, persone insospettabili che usano come paravento il fatto di prendere un periodo sabbatico alla ricerca di una vita semplice nella natura in attesa dell’uscita dalla crisi economica. In realtà questi soggetti, precisa il rapporto che gira negli ambienti della EMCDDA (agenzia europea della droga), decidono di intraprendere una vera e propria attività criminale, attirati dalla possibilità di arricchirsi illegalmente, di fare “il colpo grosso” reinvestendo poi i proventi del commercio della cocaina in attività lecite.

I CASI NOTI
Casi noti e clamorosi sono quelli dello Jongert Blaus VII di proprietà dello skipper padovano Mattia Voltan, sequestrato dalle autorità portoghesi che aveva trovato ben due tonnellate di cocaina appena giunta dal Venezuela o del francese Stèphane Colas, che ha iniziato stipando la sua imbarcazione con 400 kg di cocaina sulla rotta dal Venezuela a Madeira, alle Canarie, fino a quando non è stato beccato dalla polizia spagnola.

I CONTROLLI SONO POCHI
Per pochi che vengono “pescati”, centinaia di skipper trafficano cocaina con barche a vela usate partendo dai porti di Brasile, Perù, Colombia e Venezuela per approdare lungo le coste spagnole e, recentemente per eludere i controlli sempre più stringenti, approdano in Africa, dove esistono veri e propri depositi attrezzati di tutto punto. Una sorta di base di stoccaggio ideale, perché i controlli sono pochi, e la corruzione è diffusa». Così Capo Verde, Ghana, Nigeria e Costa d’Avorio sono le nuove destinazioni degli skipper della droga. Il sistema più sicuro è questo: si giunge al largo delle Isole Canarie, di capo Verde e delle Azzorre per essere trasbordata su battelli da pesca provenienti dai porti africani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi