SPECIALE BAIE – Quali sono le rade “top” in cui ancorare alle Baleari?

baleari-crocieraCome noi non vedete l’ora di partire per le meritate vacanze? O invece ci state leggendo dal ponte della vostra barca a vela ancora ormeggiata in attesa di salpare verso il relax estivo? In ogni caso abbiamo pensato a voi che dovete ancora decidere verso quale baia puntare la prua del vostro scafo durante la crociera. In che modo? Selezionando dai 37 volumi della nuovissima serie di “Guida nautica + Portolano” in versione digitale interattiva (già disponibili da fine maggio per i device Apple, iPad e iPhone) altrettante insenature affascinanti e assolutamente da non perdere durante questa estate di crociere. Dalle acque smeraldo delle Isole Baleari alle coste selvagge della Turchia sudorientale, la nostra selezione nasce per darvi le dritte migliori e magari anche meno scontate per impostare la rotta. Trovate il servizio completo sul numero del Giornale della Vela di Agosto.

IL NOSTRO “BEST OF” DELLE ISOLE BALEARI
Nel frattempo, vi sveliamo le nostre baie top per le Baleari: l’arcipelago più grande del Mediterraneo offre ai diportisti non solo un paesaggio naturale unico e incontaminato ma anche un bel mix di divertimenti e vita notturna.

cala-pi1. Cala Pi
39°22’ 00N – 02°50’ 00E
Maiorca, Isole Baleari. Si tratta di una delle baie più conosciute della costa meridionale di Maiorca ed è caratterizzata dal fatto di essere circondata da scogliere rocciose. Si trova 2 miglia a E di Cap Blanco e si riconosce anche dal mare grazie alla presenza di una torre posta a SE dell’entrata. Al suo interno si ormeggia in fondali da 2 a 5 metri su sabbia e alghe. Appena ad O dell’entrata di Cala Pi si trova poi un ancora più piccola e riparata ansa chiamata Cala Beltran.

cala-caragol2. Cala Caragol
39°17’ 00N – 03°02’ 00E
Maiorca, Isole Baleari. Davvero affascinante baia, Cala Caragol è chiusa da una spiaggia e racchiusa tra la rocciosa Punta Negra e l’omonimo isolotto di Caragol. Cospicui, per chi arriva dal mare, sono una pineta e un vecchio bunker situato proprio al centro della baia. Spesso in estate vi si incontrano naturisti. Si può dar fondo in 4/5 metri d’acqua su sabbia. Non lontano inoltre si raggiungono due lidi: la bellissima Playa de sa Roquetas e la selvaggia Cala Enturgores.

cala-en-porter3. Cala En Porter
39°52’ 00N – 04°08’ 00E
Minorca, Isole Baleari. Panoramico fiordo profondo circa 300 metri e chiuso tra alte scogliere, ospita sul suo lato E anche ville, hotel, ristoranti e locali. Cospicua all’ingresso è la Torre Nova, antica costruzione eretta in modo da essere ben visibile proprio sul bordo della scogliera, meno di un miglio a ONO dall’entrata. Si può dar fondo al centro dell’insenatura a circa 150 metri dalla spiaggia in 3/5 metri d’acqua su sabbia.

cala-sescala4. Cala S’Escala
40°02’ 80N – 03°55’ 00E
Minorca, Isole Baleari. Sull’angolo NO dell’isola si apre una vasta insenatura nella quale sono addirittura tre baie, tutte bellissime da visitare. La prima che si incontra provenendo da O è proprio Cala S’Escala, nella quale è possibile dar fondo di fronte alla spiaggia di sassi su fondo di sabbia e sassi. Poco più a E c’è Cala Fontanelles, delizioso ancoraggio circondato da colline e da una spiaggia di sabbia e sassi. È ben riconoscibile perché davanti all’entrata, a O, c’è l’isolotto Escull de Ses Ginjoles. Più grande delle tre è  infine Cala de Algayerens, baia chiusa da due spiagge, divise da una roccia rotondeggiante. Fare attenzione entrando o uscendo: davanti a Punta Rotja, che delimita la baia a E, ci sono pericolose rocce a pelo d’acqua.

cala-codola5. Cala Codola
39°57’ 00N – 01°14’ 00E
Ibiza, Isole Baleari. Molti diportisti la ritengono la baia più bella di Ibiza: posta nell’angolo SO della costa è aperta a SO, ma rientra nella costa per circa 250 metri, fornendo un buon ridosso. La sua estremità E è orlata da una spiaggia circondata di pini. Il fondale, profondo 11 metri all’entrata, decresce dolcemente verso il fondo dell’insenatura. A metà della cala, su fondale di alghe, si può gettare l’ancora in 6metri d’acqua. Oppure si può arrivare fino a 100 metri dalla spiaggia e quindi gettare l’ancora in 3 metri d’acqua su sabbia.

cala-sahona6. Cala Sahona
38°42’ 10N – 01°23’ 50E
Formentera, Isole Baleari. Si tratta di un’insenatura posizionata al centro della costa occidentale dell’isola e nel suo lato orientale è circondata da una spiaggia di sabbia. I fondali digradano dolcemente verso il largo e quindi si può dar fondo a circa 200 metri dalla scogliera in 5 metri d’acqua su sabbia chiara. A terra ci sono bar e ristorante.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “SPECIALE BAIE – Quali sono le rade “top” in cui ancorare alle Baleari?”

  1. Pero porque no escrívete artículos sobre las bayas italianas y no restante nella vuestra bella Italia? No quiere os italianos en nuestro mar!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su