Loick Peyron ringrazia “i suoi amici italiani”

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

loick-peyronQualche tempo fa abbiamo pubblicato un articolo sulla nuova avventura di Loick Peyron: lo skipper si lancerà in un’impresa che sa di antico, ovvero la partecipazione alla Route du Rhum a bordo della gemella del trimarano Olympus con cui Mike Birch vinse l’edizione del 1978 della regata.

Il vantaggio della pubblicazione online è che i contenuti sono fruibili immediatamente anche dai diretti interessati: e il grande Loick Peyron ha subito “beccato” il nostro pezzo. Mettendo da parte la storica rivalità tra italiani e francesi, ringrazia i “suoi amici italiani” per la pubblicazione in un post sulla sua pagina Facebook. A proposito: qua sotto trovate l’articolo che avevamo pubblicato.

Peyron-happyLa Route du Rhum, quest’anno, raggiunge il traguardo delle 10 edizioni: per festeggiare questa regata, un vero e proprio classico della vela oceanica (la transatalentica in solitario di 3.562 miglia, con percorso da Saint-Malò fino a Pointe-à-Pitre, in Guadalupa) la leggenda della vela francese Loick Peyron ha deciso di partecipare a bordo di una barca, tanto per restare in tema, leggendaria. Si tratta della gemella del trimarano Olympus con cui Mike Birch vinse l’edizione 1978 della regata (con soli 98 secondi di vantaggio sul polacco Malinovski!), progettato da Walter Green: una barca che Peyron ha riportato all’antico splendore con le sue stesse mani.

 

L'Olympus di Mike Birch
L’Olympus di Mike Birch

LA SCOPERTA
Il velista stava navigando, questa volta su internet, quando si è imbattuto sul piccolo trimarano in legno di 12 metri, che ha scoperto trovarsi in un fiume vicino a Plymouth. Peyron ha preso la barca, l’ha portata alla Multiplast (uno dei cantieri specializzati in multiscafi ultratecnologiche, con foil e wingsail) e si è lanciato in un lavoro certosino, che ha portato avanti senza sponsor e con l’aiuto di un gruppo di amici.

L’imbarcazione è pronta e ha assunto anche il colore giallo originale del trimarano di Birch. Si chiama Happy la barca con cui Loick Peyron sfiderà gli ultimi mostri della tecnologia (ad esempio, ci sarà il Maxi trimarano Spindrift 2, con a bordo Yann Guichard): un’impresa che sa di romantico. Ma come ci insegna giustamente il grande velista, ora 55enne, “rispettare il passato della vela ci aiuta a ripensarne il futuro”.

GUARDA IL VIDEO DEL VARO DI “HAPPY”



CHI E’ LOICK PEYRON

Peyron è uno dei velisti più completi e famosi in Francia: tra i suoi tanti successi, spicca il record assoluto al Fastnet del 2011 su Banque Populaire V (1 giorno, 8 ore, 48 minuti e 46 secondi) e le campagne di America’s Cup a bordo di Alinghi e Artemis oltre che numerosissime regate oceaniche.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su