Sapete cos’è questo? E’ la morte della vela “pulita”

sabotaggio-next-37La locuzione “fair play” apparve per la prima volta nel 1601. Era contenuta nella tragedia in cinque atti “Troilo e Cressida” composta dal drammaturgo britannico William Shakespeare.

Il Next 37 Audi Quattro (foto Andrea Carloni)

LO “GNOCCO” SULLA CHIGLIA DEL NEXT 37
Evidentemente non hanno letto Shakespeare i “furbetti” che hanno sabotato il nuovissimo Salona Next 37 Audi Quattro in occasione degli Europei ORC di Valencia. Quando lo skipper del team finlandese Jani Lehti ha alato la barca dopo la regata (conclusa in una più che dignitosa ottava posizione overall) si è ritrovato uno strano oggetto attaccato alla chiglia, vicino al timone. Una sorta di “gnocco” (così lo ha definito il designer della barca Maurizio Cossutti sul suo profilo Facebook) di un materiale simile a plastica o resina epossidica. E dalla foto, si vede che accanto ce n’era un altro, probabilmente staccatosi in navigazione. Un chiaro segno di sabotaggio.

hurakan-tp-52
Il TP52 Hurakan

ANCHE HURAKAN SABOTATO
Stessa sorte è toccata anche ad Hurakan, il TP52 di Marco Serafini (quarto overall) Campione del Mondo 2013. Si legge sempre sulla pagina facebook di Cossutti: “A Hurakan hanno mollato la piomba della tack e poi andando dentro la barca hanno fatto dei nodi sul retriever e sul comando randa“.

Sarà meglio che i “banditi” la facciano franca. Meglio per loro, ovviamente. Altrimenti, tornando a Shakespeare, la comunità velica internazionale gli farà vivere una tragedia.

poppaCHE BARCA E’ IL NEXT 37

Il nuovo Next 37 è nato dalla collaborazione di Cossutti Yacht Design e del cantiere Salona Italia
. I disegni nati dall’estro talentuoso di Maurizio Cossutti non nascondono la voglia di correre e provare a vincere il mondiale ORC 2014 di Kiel (sabotaggi permettendo). Lo scafo è realizzato in fibra di basalto ed epossidica, materiali di costruzione che, oltre ad assicurare il rispetto per l’ambiente, garantiscono un’ottima rigidità strutturale fondamentale per produrre performance di rilievo. Questo veloce undici metri è stato costruito negli stabilimenti di Monfalcone (Gorizia).

LE MISURE DEL NEXT 37
Lunghezza 11.30 m
Larghezza 3.60 m
Pescaggio 2,00 m
Dislocamento 5.100 kg
Zavorra 2.300 kg
Randa 44 mq
Fiocco (105%) 35 mq
Gennaker ORC 105 mq

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Sapete cos’è questo? E’ la morte della vela “pulita””

  1. Una precisazione: il Next 37, vittima del sabotaggio a Valencia, è stato costruito per conto di Salona Italia a Monfalcone dal nostro cantiere, Cantiere Alto Adriatico 1977 spa. E’ la prima barca da regata costruita in fibra di basalto.
    Vi saremmo grati se vorrete pubblicare questa precisazione.
    Cordaiali saluti
    Giulio Tarabocchia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su