Fiera di Genova “mutilata”, arriveranno i centri commerciali

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

fiera-di-genovaGenova perde un bel pezzo di storia della nautica: il consiglio comunale del capoluogo ligure ha approvato la delibera sulla riconversione urbanistica di alcune zone della Fiera di Genova, che verrano adibite, molto probabilmente, ad aree commerciali. Una scelta pressoché obbligata, dettata dal debito contratto con la BNL per circa 19 milioni di euro in occasione della realizzazione del padiglione B, affidata all’archistar Jean Nouvel.

LE AREE INTERESSATE
La delibera prevede che i padiglioni B e D rimangano ad uso fieristico, assieme ad altre aree sia a mare che a terra (ovvero quelli di pertinenza delle Marine in concessione demaniale). I restanti fabbricati (il padiglione C, il Palasport, che manterrebbe a quanto pare una destinazione di carattere sportivo, la palazzina uffici e l’edificio ex Nira) invece saranno riconvertiti, si legge nel documento, a residenze, uffici, alberghi, servizi privati, esercizi di vicinato, centri commerciali.

LA CRISI SI E’ FATTA SENTIRE
D’altronde, la vocazione di polo nautico internazionale di Genova si è vista molto ridimensionata negli ultimi anni, complice la crisi che ha investito il comparto a partire dal 2008: lo ha dimostrato anche l’ultimo Salone Nautico, andato in scena in modalità “ridotta” sia nel tempo che negli spazi.

UN PEZZO DI STORIA DELLA CITTA’
In continuità con la tradizione mercantile che vedeva i genovesi presenti e primi coi loro fondaci in tutta Europa, la Fiera di Genova nasce nel 1956 per incentivare lo sviluppo di alcuni settori economici determinanti per la regione, come la cantieristica nautica e la floricultura. Animatori del progetto furono il sindaco Vittorio Pertusio e l’avvocato Giuseppe De Andrè, padre del grande Fabrizio.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

KAZE, il concept del nuovo ketch da 60 metri di Philippe Briand

Kaze: il nuovo superketch (60 metri) di Philippe Briand

Philippe Briand presenta il suo nuovo concept di ketch da 60 metri, Kaze (vento in Giapponese). Uno yacht per navigare in tutta comodità, senza complicazioni. Una barca delle linee eleganti ed equilibrate con una tuga a basso profilo, capace anche

Torna su
Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*