Soldini ci riprova sulla New York-Cape Lizard

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

soldini-maseratiGiovanni Soldini ci riprova, e se la finestra meteo prevista si verificherà Maserati salperà da New York tra domenica 6 e lunedì 7 luglio alla volta di Cape Lizard (Regno Unito). Il velista più famoso d’Italia, a bordo del VOR 70 modificato, aveva già tentato nel maggio del 2012 a battere il record sulle 2.925 miglia in nord Atlantico: un primato detenuto dal maxi di 140 piedi Mari-Cha IV (armatore Robert Miller), che nel 2003 percorse la tratta impiegando 6 giorni, 17 ore, 52 minuti e 39 secondi, a una velocità media di 18,5 nodi. Maserati aveva navigato alla perfezione nei primi tre giorni, e dopo mille miglia aveva un vantaggio virtuale su Mari-Cha di quasi 200 miglia, ma poi Soldini e compagni erano entrati in una bolla di alta pressione che aveva fatto sfumare l’impresa.

previsioniDIMINUISCE IL RISCHIO ICEBERG
Giovanni e il suo equipaggio sono in stand-by dai primi di giugno e seguono attentamente l’evolversi della situazione meteo. “Tra domenica 6 e lunedì 7 sulla zona di partenza è previsto un ottimo flusso di sud ovest che ci spingerebbe velocemente verso Terranova”, spiega Soldini. “Al momento però in Atlantico è prevista poca pressione con un angolo molto in poppa. Inutile dire che non vediamo l’ora di partire, anche perché in quest’ultimo mese gli iceberg a Terranova sono molto diminuiti”.

Video: Soldini e gli iceberg a Terranova nel 2012

Foto Th. Martinez
Foto Th. Martinez

LA BARCA DA BATTERE
Schooner di concezione moderna, varato nel 2003, il Mari-Cha IV è un’originale creazione dei cantieri JMV Industries di Cherbourg, nel nord della Francia. Lo scafo, lungo 140 piedi (circa 42 metri), è costruito in fibra di carbonio e ha due alberi gemelli alti 45 metri. Veloce, velocissimo, può raggiungere punte di 40 nodi. Durante la New York-Cape Lizard, oltre al record di percorrenza, stabilì anche il primato di velocità nelle 24 ore, coprendo ben 525,7 miglia di distanza.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

Il team di America’s Cup INEOS Britannia sta attraversando un periodo burrascoso, e non solo sul mare. Dopo un po’ di delusione nelle regate preliminari di America’s Cup, con un ultimo e penultimo posto alle tappe di Vilanova e Jeddah,

Torna su

Registrati



Accedi