Addio Bunny, creatrice del mito di Bettie Page… in barca!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Bunny Yaeger, pin-up e fotografa, è morta a Miami a 85 anni. Bunny è stata l’artista che ha immortalato la mitica Bettie Page, la prima grande pin-up, in un album rimasto a lungo privato. Per ricordarla, con il sorriso che l’ha sempre contraddistinta, vi riportiamo qui sotto l’articolo e, soprattutto, le foto che l’hanno resa celebre.

Bunny

Un tuffo ironico negli Anni ’50, quando la mitica Bettie Page faceva sognare (di nascosto) una generazione. Anche durante una vacanza in barca

bettySì, la più famosa pin up di tutti i tempi, che ha fatto sognare i ragazzi (e non solo loro) negli Anni ’50, andava in barca. Bettie Page, prima di convertirsi a una vita dai saldi principi morali legati al protestantesimo, ha sempre fatto discutere, soprattutto il famosissimo servizio scattato all’ex parco naturale africano di Boca Raton, in Florida, che ritrae una “Bettie nella giungla” nuda e affiancata da due ghepardi. Qui invece la ritroviamo immortalata durante una vacanza in barca da un’ex modella , Bunny Yeager (oggi stimata fotografa, che proprio con le riprese delle pin up ha lanciato la propria carriera), con la quale si era creato un forte sodalizio lavorativo prima e una grande amicizia poi. Provate a immaginare l’effetto che in quegli anni di “pruderie” (quel moralismo un po’ formale che il “flower power” del decennio successivo spazzerà via) avrebbero potuto sortire un’ex modella con tanto di macchina fotografica in mano e Bettie al fortunato capitano che avesse buttato l’ancora in quella stessa baia… Un album rimasto a lungo privato, immagini che riportano a un’eleganza non plastificata che si è spesso persa nella fotografia moderna. Che poi, la prendano col sorriso le mogli e le fidanzate, quale marinaio non vorrebbe un compagno di equipaggio così? Forse cederebbero anche i comandanti dei velieri del passato, che ritenevano portasse sfortuna avere una donna a bordo… Certo, anche le fotografie di questo servizio sono osé, ma oggi, in tempi di tv spazzatura, secondo noi fanno più che altro sorridere.

page

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Addio Bunny, creatrice del mito di Bettie Page… in barca!”

  1. Io sarò di vecchio stampo, ma queste foto non mi fanno proprio sorridere. Sono piacevoli da vedere, e e magari il mio secondo fosse cosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

Un ingresso in porto da veri eroi per i due velisti a bordo di questo catamarano: hanno saputo aspettare il momento giusto per “surfare” grazie alle altissime onde che frangono in prossimità della costa inglese del Merseyside, a Southport. GUARDA

Nove mete dove navigare almeno una volta nella vita

Stanchi delle solite zone di navigazione? Volete provare qualcosa di diverso? Ci sono luoghi che, per gli appassionati di vela, hanno qualcosa di magico. Alcuni sanno di avventura estrema, come la Penisola Antartica, altri si rifanno alla grande tradizione Made

Registrati



Accedi