Velisti dispersi in oceano, il web si mobilita e chiede aiuto chi naviga in Atlantico

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

cheeky-rafikiQualche giorno fa avevamo ricevuto la notizia che la Guardia Costiera statunitense aveva interrotto le ricerche dei quattro velisti che, a bordo del First 40.7 “Cheeki Rafiki”, erano naufragati in Atlantico, nel tratto di mare compreso tra Cape Cod (USA) e le Azzorre, mentre erano di ritorno verso la Gran Bretagna dalla Antigua Sailing Week. L’ultima comunicazione proveniente da bordo della barca era datata giovedì 15 maggio, quando l’equipaggio aveva lanciato l’SOS dicendo di essere diretto alle Azzorre e che il Beneteau stava imbarcando acqua ma non si riusciva a capire da dove: tuttora le cause dell’incidente rimangono ignote.

LA DECISIONE DI INTERROMPERE LE RICERCHE
Dopo due giorni di ricerche, la Guardia Costiera statunitense aveva deciso di interrompere le ricerche dei velisti, che, presumibilmente, avevano abbandonato la barca semiaffondata a bordo della zattera: nonostante i Canadair avessero percorso in lungo e in largo l’area dell’incidente, non era stato trovato nulla, complici anche le pessime condizioni meteo.

LA REAZIONE DEL WEB HA FATTO CAMBIARE IDEA
La decisione della Guardia Costiera ha suscitato l’indignazione della comunità velica internazionale, oltre che lo sconforto dei parenti dei quattro dispersi (che, ricordiamo, sono Andrew Bridge, 21 anni, Paul Goslin, 56, James Male, 23, e Steve Warren, 52). Visti i numerosi appelli alle autorità competenti, la Guardia Costiera ha deciso di riprendere le ricerche schierando le forze mostrate nell’immagine qui sotto.


10352578_729038410493283_4119190845570708551_n

ANCHE I VELISTI IN OCEANO POSSONO DARE UNA MANO
Intanto la rivista inglese World Cruising Club ha lanciato una campagna sul web chiedendo alle imbarcazioni che si trovano nell’area dell’incidente di collaborare alle ricerche: non si tratta di poche barche, perché la stagione velica ai Caraibi è terminata e molti equipaggi si accingono a rientrare in Europa. Ci sono trenta barche che prendono parte alla ARC Europe che si stanno dirigendo dalle Bermuda alle Azzorre: una di queste, il catamarano di 64 piedi “Malisi” capitanato dallo skipper Patrick Michel, ha già raggiunto la zona di ricerca.

4_bb226e9624
LE AREE DI RICERCA

Nell’immagine sopra è ricostruita l’area di ricerca, sulla base delle ultime posizioni inviate dall’Epirb di Cheeky Rafiki, il luogo di avvistamento di uno scafo rovesciato senza chiglia da parte di un cargo denominato “Kure” (foto sotto) e il calcolo delle correnti. In accordo con la Guardia Costiera, World Cruising Club ha individuato due possibili punti “caldi”: uno più a nord (38-37N 048-48W) e uno più in basso (37-36N 050-14W), distanti tra loro circa 100 miglia.
1_937dbc2f66

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Velisti dispersi in oceano, il web si mobilita e chiede aiuto chi naviga in Atlantico”

  1. Pingback: Tutti morti i quattro velisti inglesi naufragati in Atlantico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Polizia Slovena

Se hai un natante… SLOVENIA PROIBITA

Se teoricamente sarebbe possibile andare Slovenia senza superare il limite delle 12 miglia dalla costa, limite massimo a cui possono spingersi i natanti italiani (con patente nautica), la normativa slovena richiede che tutte le imbarcazioni oltre i 3 metri siano

2 euro croati

Crociera in Croazia 2023, cosa cambia con Schengen

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Dal

Torna su