IVA sul posto barca al 10%: si può fare se il ministro lo vuole

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

iva-posto-barcaVi piacerebbe sapere che quest’estate, se tenete la vostra barca in un porto italiano, l’IVA sul posto barca, affittato o comprato, passa dal 22 al 10 %?

Tutto questo è possibile, basta assimilare lo specchio d’acqua dove “dormono” le barche all’IVA applicata ad una stanza d’albergo o allo spazio occupato da un camper a terra, che è appunto del 10%. Questo è il regime di cui godono le strutture turistiche in Italia. E allora, perché un porto turistico o un marina non deve essere catalogato a questa tipologia? C’è un’occasione unica già oggi per correggere quest’anomalia che, come al solito, penalizza la nautica in Italia. Per vostra informazione, in Francia si paga il 9% di Iva e anche in Spagna la tassazione è analoga.

PERCHE’ LA BARCA NON DEVE ESSERE COME IL CAMPER?
Sta per essere varato il decreto “cultura e turismo” presentato dal ministro Franceschini, basta inserire anche l’equiparazione degli specchi d’acqua di porti e marina, dove sono ormeggiate le barche, alle aree in cui stazionano i camper, che già beneficiano dell’IVA ridotta. Il gioco sarebbe fatto. E state certi che la riduzione del gettito annuale, stimato in otto milioni di euro, sarebbe ampiamente recuperato, se solo qualche migliaio di barche delle 40.000 che in questi ultimi tre anni hanno abbandonato i nostri porti tornassero ad ormeggiare lungo i nostri litorali.

IL TRUCCO INVENTATO DAI LIGURI PER RIDURRE L’VA AL 10%
E c’è anche una seconda strada, se nel decreto Franceschini non trovasse posto, per ottenere la riduzione dell’IVA sugli ormeggi. L’escamotage l’ha ideato la Regione Liguria che è pronta a varare una norma regionale che equipara gli specchi acquei dei porti turistici alle aree di stazionamento dei campeggi e alle stanze degli alberghi. Il nome fantasioso per ottenere il risultato è “Marina Resort”.

Vi terremo informati sull’evolversi della situazione. Intanto diteci cosa ne pensate con un commento.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

8 commenti su “IVA sul posto barca al 10%: si può fare se il ministro lo vuole”

  1. Giorgio Cirillo

    Basta che poi non vengano fuori i soliti “furbetti del quartierino” che approfittando della riduzione dell’iva, aumentano l’imponibile dello stesso importo, lasciando di fatto il costo finale inalterato, a spese del diportista.

  2. Andrea Cavestri

    Che dire…come al solito in questo paese! La nautica e’ considerata un lusso e quindi da punire facendo di tutt’erba un fascio. Indubbiamente, lo sappiamo tutti, ci sono italiani furbi ed evasori che vivono sulle spalle degli altri; ma perché non riescono mai beccarli? La soluzione di tar-tassare l’intero settore ha fatto danni giganteschi, e rischia di far morire tutto il sistema nautica in Italia…complimenti! Così si arriverà a gettito zero. Ho una barca a vela che mi sono preso mettendo da parte i soldi come lavoratore dipendente (quindi tassato fino al midollo) e sicuramente il camper del mio vicino di casa e’ costato molto di più. Ma io sono considerato ricco……. Non mollate! Avanti così !!!!! AC

  3. Pingback: Iva al 10% per i porti turistici? No di Franceschini

  4. I precisely wanted to thank you so much again. I am not sure the things that I would have accomplished without the type of information documented by you over that concern. It was before a real scary circumstance for me personally, however , considering your professional fashion you processed the issue forced me to jump with gladness. I’m grateful for the service and as well , hope you recognize what an amazing job you have been doing educating others all through your websites. Most probably you haven’t encountered any of us.

  5. dopo la “caccia alle streghe” del governo Monti che ha convinto molti armatori a lasciare x sempre l’ italia questa è la volta buona che i porti si svuoteranno del tutto a beneficio dei porti stranieri limitrofi. Corsica, costa azzurra, Slovenia e Tunisia ringraziano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi