developed and seo specialist Franco Danese

Quattro velisti dispersi in Atlantico, la Guardia Costiera interrompe le ricerche

Non esiste vela più “low-cost” di quella…dell’immaginazione
19 maggio 2014
Torna il bollino blu: è finalmente finita l’era dei controlli selvaggi?
19 maggio 2014

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

cheeky-rafikiLa Guardia Costiera statunitense ha interrotto le ricerche dei quattro velisti che, a bordo del First 40.7 “Cheeki Rafiki”, sono naufragati in Atlantico mentre erano di ritorno verso la Gran Bretagna dalla Antigua Sailing Week. L’ultima comunicazione proveniente da bordo della barca è datata giovedì 15 maggio, quando l’equipaggio aveva lanciato l’SOS dicendo di essere diretto alle Azzorre e che il Beneteau stava imbarcando acqua ma non si riusciva a capire da dove.

I QUATTRO VELISTI SCOMPARSI NEL NULLA
E’ molto probabile che la barca sia affondata e i quattro uomini (Andrew Bridge, 21 anni, Paul Goslin, 56, James Male, 23, e Steve Warren, 52) l’abbiano abbandonata a bordo della zattera di salvataggio, ma purtroppo, dopo una ricerca frenetica durata due giorni, con tre Canadair impegnati nell’area circostante a dove è avvenuto incidente (più di 4.000 miglia miglia quadrate), non è stato trovato nulla. Non hanno aiutato le condizioni meteo, con venti oltre i 50 nodi, onde di più di sei metri e visibilità ridotta a un miglio.

BARCA RIBALTATA?
Una nave cargo ha chiamato la Guardia Costiera dicendo di avere incrociato nella zona (compresa tra Cape Cod e le Azzorre) uno scafo ribaltato, ma di non essersi fermata perché era evidente che a bordo non ci fosse nessuno.

(immagini tratte da bbc.com)

3 Comments

  1. […] giorno fa avevamo ricevuto la notizia che la Guardia Costiera statunitense aveva interrotto le ricerche dei quattro velisti che, a bordo del F…, nel tratto di mare compreso tra Cape Cod (USA) e le Azzorre, mentre erano di ritorno verso la Gran […]

  2. franco milone ha detto:

    è capitato anche a noi piu’ o meno nello stesso punto. In quel tratto di oceano si formano delle onde molto grandi e ripide. Ci siamo traversati. l’inclinometro si è fermato a 140° Sono finito in acqua ma le cinghie hanno tenuto. L’amico Carles al timone,legato corto, al raddizzamento della barca si è trovato dentro. Siamo ripartiti. Ojala II il nome della barca, temo abbia fatto la differenza

  3. […] DALLA FINE TRAGICA Le ricerche, che erano state interrotte dopo due giorni dall’incidente, per poi riprendere a seguito dei numerosi appelli arrivati dal web, coordinate dalla Guardia […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi