Belin, che scoperta! Ad Haiti la Santa Maria di Cristoforo Colombo?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Santa MariaAdesso la palla passa agli esperti, ma se il relitto scoperto dal subacqueo statunitense Barry Clifford al largo della costa settentrionale di Haiti fosse veramente il relitto della Santa Maria, la caravella di Cristoforo Colombo, si tratterebbe di uno dei più importanti ritrovamenti della storia. Il resti dell’imbarcazione sono stati individuati da Clifford (celebre esploratore subacqueo) incastrati in una barriera corallina, a circa 3-5 metri di profondità.

Barry Clifford
Barry Clifford

LE PROVE STORICHE E FISICHE
Clifford ha dichiarato al quotidiano inglese The Indipendent che “tutta la geografia, la topografia marina e le prove archeologiche suggeriscono fortemente che il relitto ritrovato corrisponde a quello della famosa caravella di Colombo”. La nave comandata dall’ammiraglio genovese, una caracca a tre alberi di 21 metri e 150 tonnellate, salpò il 3 agosto 1492 dalla Spagna e toccò le coste di San Salvador (oggi Waitling) alle Bahamas il 12 ottobre dello stesso anno. La notte del 25 dicembre, durante l’esplorazione del Golfo del Messico, la barca si arenò su una secca e affondò. Colombo e l’equipaggio di 39 persone furono costretti ad abbandonare la Santa Maria e, con parti dell’imbarcazione realizzarono un fortino di sopravvivenza. Clifford avrebbe ritrovato il relitto nell’esatto punto in cui Colombo sosteneva di essere affondato nei suoi diari. Secondo il subacqueo, la prova definitiva che si tratterebbe proprio della Santa Maria sarebbe il cannone del XV secolo ritrovato su una fiancata della nave.

IL METODO DI CLIFFORD
Usando magnetometri marini, dispositivi di radar e sonar e esplorazioni di sommozzatori, Clifford ha studiato le anomalie della piattaforma marittima, comparato i risultati con informazioni tratte dai diari di navigazione di Colombo e da materiale cartografico dell’epoca e misurato l’impatto delle correnti per stabilire i movimenti del relitto dopo il naufragio. In questo modo, l’esploratore americano è riuscito a ridurre progressivamente la zona in cui era possibile ritrovare la Santa Maria, fino ad arrivare a un perimetro molto più piccolo, dentro al quale ha identificato il relitto dell’ammiraglia di Colombo.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Belin, che scoperta! Ad Haiti la Santa Maria di Cristoforo Colombo?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Middle Sea Race Review: Russian connection (ENG)

Valletta, 28 October 2017. An old adage in yacht racing dictates that to win a race, you first need to finish. A strenuous 38th edition of Rolex Middle Sea Race, held from 21-28 October, proved an emphatic case study. Of the

Registrati



Accedi