developed and seo specialist Franco Danese

Belin, che scoperta! Ad Haiti la Santa Maria di Cristoforo Colombo?

INTERVISTA Andrea Mura, il nostro Velista dell’Anno, si prepara alla Route du Rhum
15 maggio 2014
Euphoria 68: il secondo modello della gamma luxury di Sirena Marine
15 maggio 2014

Santa MariaAdesso la palla passa agli esperti, ma se il relitto scoperto dal subacqueo statunitense Barry Clifford al largo della costa settentrionale di Haiti fosse veramente il relitto della Santa Maria, la caravella di Cristoforo Colombo, si tratterebbe di uno dei più importanti ritrovamenti della storia. Il resti dell’imbarcazione sono stati individuati da Clifford (celebre esploratore subacqueo) incastrati in una barriera corallina, a circa 3-5 metri di profondità.

Barry Clifford

Barry Clifford

LE PROVE STORICHE E FISICHE
Clifford ha dichiarato al quotidiano inglese The Indipendent che “tutta la geografia, la topografia marina e le prove archeologiche suggeriscono fortemente che il relitto ritrovato corrisponde a quello della famosa caravella di Colombo”. La nave comandata dall’ammiraglio genovese, una caracca a tre alberi di 21 metri e 150 tonnellate, salpò il 3 agosto 1492 dalla Spagna e toccò le coste di San Salvador (oggi Waitling) alle Bahamas il 12 ottobre dello stesso anno. La notte del 25 dicembre, durante l’esplorazione del Golfo del Messico, la barca si arenò su una secca e affondò. Colombo e l’equipaggio di 39 persone furono costretti ad abbandonare la Santa Maria e, con parti dell’imbarcazione realizzarono un fortino di sopravvivenza. Clifford avrebbe ritrovato il relitto nell’esatto punto in cui Colombo sosteneva di essere affondato nei suoi diari. Secondo il subacqueo, la prova definitiva che si tratterebbe proprio della Santa Maria sarebbe il cannone del XV secolo ritrovato su una fiancata della nave.

IL METODO DI CLIFFORD
Usando magnetometri marini, dispositivi di radar e sonar e esplorazioni di sommozzatori, Clifford ha studiato le anomalie della piattaforma marittima, comparato i risultati con informazioni tratte dai diari di navigazione di Colombo e da materiale cartografico dell’epoca e misurato l’impatto delle correnti per stabilire i movimenti del relitto dopo il naufragio. In questo modo, l’esploratore americano è riuscito a ridurre progressivamente la zona in cui era possibile ritrovare la Santa Maria, fino ad arrivare a un perimetro molto più piccolo, dentro al quale ha identificato il relitto dell’ammiraglia di Colombo.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

1 Comment

  1. Antonio Calcagno ha detto:

    Se sarà confermato che i resti ritrovati sono della Santa Maria, la scoperta è veramente importante. Comunque, per quanto concerne la vera storia ed il luogo di nascita dell’Ammiraglio del mare Oceano, suggerisco di visitare il sito: http://www.cristoforocolombostoria.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi